Quando si è intenzionati a costruirsi un nuovo pc che punta sulla massima qualità sia in ambito lavorativo e sia in ambito da gaming le possibilità di scelta sono veramente tante, se non dire quasi infinite dato tutte le combinazioni possibili, ma oggi noi vi diremo una Scheda Madre, che d’ora in poi useremo l’abbreviativo MOBO, che solo riscrivendola ci sentiamo scorrere tra le dita il potere della Master Race: Asus ROG RAMPAGE VI EXTREME.

Unboxing

La confezione si presenta in uno stile molto semplice con un confezionamento a dir poco completo: aperta la scatola troviamo subito l’Asus ROG RAMPAGE VI EXTREME in tutta la sua bellezza protetta da pellicole e protezioni di plastica. Al di sotto troviamo gli sticker e un comparto diviso in 3 sezioni. In essi ci troviamo una comodissima chiavetta usb con dentro tutti i driver e applicativi della casa produttrice per facilitarci l’installazione della MOBO; oltre alle varie cavetterie e viti, vi troviamo dei supporti per le schede video, 4 tipi di SLI, un estensore delle ventole e una placca per il water cooling. Inoltre sono presenti due trasmettitori WiFi 802.11ad (uno one-band e l’altro dual-band), ma ne parleremo tra poco nel dettaglio.
Ovviamente non mancano gli adesivi ROG, sempre apprezzati, e il manuale dell’utente accompagnato dalla garanzia.

Caratteristiche Tecniche

L’ Asus ROG RAMPAGE VI EXTREME è una MOBO basata sul chipset delle X299 e per tanto ha un socket LGA2066 compatibile con i processori Intel della serie X, una delle CPU più potenti e performanti nel mercato per adesso.
Una volta che avremmo questa bestia tra le mani capiremo subito come Asus non abbia badato a spese per la sua costruzione con un design veramente accattivante e pulita, però una volta collegata alla corrente essa si mostrerà in tutto il suo splendore (letteralmente).

Estetica LED e LiveDash OLED

La parte luminosa dispone di una coppia di intestazioni R50 5050 RGB e sono gestiti in maniera eccelsa dalla MOBO che danno il massimo grazie ad Aura Sync, un’applicazione di Asus che permette di modificare la parte led dei suoi prodotti.
Ecco qui l’elenco delle varie impostazioni luminose che potremmo applicare alla MOBO grazie ad Aura Sync:

  • Statico
  • Breathing
  • Stroboscopico
  • Arcobaleno
  • Ciclo di colori
  • Cometa
  • Flash & Dash
  • Wave
  • Glowing Yo Yo
  • Notte Stellata 
  • Effetti musicali
  • Temperatura CPU

Una scelta molto ampia che sono ulteriormente amplificate grazie alla possibilità do collegarli a strisce led o altre componenti compatibili ad Aura.
L’applicazione fornisce ai propri utenti un modo rapido e facilmente comprensibile di modificare l’ecosistema luminoso della macchina.
I punti luminosi presenti nelle MOBO sono posti sia nella parte superiore che inferiore della MOBO. Posto al di sopra del ROG Armor vi troviamo anche il LiveDash OLED: questo pezzo, oltre che a illuminarsi andando in sincronia con tutta l’illuminazione globale della MOBO, permette di tener sotto controllo molte situazioni dell’intero ecosistema del PC, come la temperatura, le frequenze del processore o eventuali errori del sistema grazie al display LED posto in basso a destra. Come l’illuminazione led anche lo schermetto LED è modificabile attraverso un applicazione, Overwolf. Questo è un appstore di applicazioni dedicate al gaming e un overlay. Grazie alla sua integrazione con il sistema Asus permette di inserirsi come un applicativo gestionale del sistema e, come in questo caso specifico, gestione del LiveDash OLED. Inoltre possiamo acquisire, gratuitamente, applicazioni come la cattura dello schermo e gli Highlight di alcuni giochi affiliati come League of Legends nei quali potremmo vedere momenti salienti e analizzarli sotto più punti di vista.

Connettività LAN e Wireless

La connettività è un’altro componente abbastanza importante per un gamer e sicuramente l’Asus ROG RAMPAGE VI EXTREME riesce a dir poco in maniera eccezionale a offrire un ottima resa anche per questo. La MOBO è stata progettata non solo per la connettività via LAN, ma anche Wireless grazie all’inserimento del Wi-Fi 802.11ad con una connettività ultra veloce e senza ritardi fino a 4.6Gbps.
I componenti che gestiscono tutto ciò sono l’Aquantia AQC-107 e Intel I219-V che non solo rendono l’uso della connettività Wireless un piacere per il gaming ma anche la connettività 10G LAN conferisce a una stabilità e velocità della connessione veramente ottima. La connettività wireless la possiamo ricevere grazie ai trasmettitori forniti da Asus che hanno un design molto semplice però al tempo stesso in linea con il prodotto. Queste sono semplici da collegare e l’unica piccolissima pecca che abbiamo trovato è la lunghezza del cavo: per chi è intenzionato ad appoggiarli sopra o affianco al case non ci sono problemi, ma per chi invece non ne ha la possibilità si ritroverà in difficoltà.
Inoltre Asus ha sostituito la tradizionale porta LAN con la LANGuard RJ45, una porta che offre una protezione della connessione e un’alta velocità di trasmissione, oltre che avere componenti elettrostaticamente protetti conto le sovratensioni (protezioni ESD).
Infine Asus offre l’applicativo Gamefirst IV: esso ottimizza il traffico di rete per un gioco online eliminando la presenza di lag e altri problemi di rete. Questo inoltre migliora le prestazioni di rete grazie alla sua modalità intelligente. Per maggiori dettagli guardate il video qui sotto:

Memoria

Per chi è interessato a sfruttare il massimo dalle proprie memorie, o per chi per lavoro o per chi cerca di riprodurre la configurazione definitiva, l’Asus ROG RAMPAGE VI EXTREME può ospitare tre unità M.2 e il perché di questa possibilità risiede in queste due feature presenti nella MOBO: l’Intle IRST e VROC. Due’unità possiamo inserirle nel DIMM.2, una scheda d’espansione integrata che consente di collegare due dischi M.2 tramite la porta DDR4 e se si volesse si può inserire un impianto di raffreddamento ad aria per la memoria cosicché da mantenere le temperature stabili.
L’altra unità è possibile inserirla nel PCIe Gen3 M.2 posto nel ROG Armor, una possibilità molto apprezzata sia per quanto riguarda il livello visivo che gestionale.
Inoltre nello stesso spazio è possibile inserire un ASUS Hyper M.2 X16 che grazie all’utilizzo delle corsie PCIe della CPU si riesce a superare i limiti di trasferimento dati fino a raggiungere performance elevati (questo è quello che permette la tecnologia VROC).
Inoltre c’è la possibilità di inserire un’SSD NVME nel connettore incorporato U.2 e di inserire un modulo Intel Optane Memory.

Nella MOBO abbiamo a disposizione 4 slot DDR4 per l’inserimento delle memorie RAM. Grazie alla terza generazione Asus T-Topology è possibile installare RAM con una frequenza pari o superiore a 4200Mhz.

Raffredamento

Le temperature sono il maggior problema di qualsiasi PC e spesso le temperature sbalzano fuori dai limiti per una mancanza di un software dedicato che le riesca a gestire nella maniera migliore, ecco quindi che qui Asus ha voluto fare le cose fatte bene e ha diversificato la gestione del raffreddamento con Asus 5-Way Optimization. Questi non solo permetto una gestione delle temperature in dettaglio e user-friendly, ma fornisce pure dei profili di gestione per l’Overclocking.
L’Asus 5-Way Optimization si suddivide in:

  • Fan Expert 4: Software accessibile dal BIOS UEFI nel quale l’utente ha la possibilità di avere un controllo approfondito sulle ventole e sugli impianti a raffreddamenti a liquido. Si può settare le configurazioni manualmente o attraverso un wizard (molto utile per gli utenti meno pratici)
  • Turbo Core App: applicazione che permette di effettuare il tuning per singolo core assegnate a determinate applicazioni così da garantire una gestione migliore della CPU e delle temperature
  • TurboV (TPU): è l’utilità di tuning automatica che offre la possibilità di ottimizzare le tensioni, controllare le statistiche di sistema e regolare i parametri di overclock per ottenere prestazioni ottimali.
  • Energy Processing Unit (EPU): feature che permette un considerevole risparmio energetico che grazie alla sua capacità di rilevamento intelligente dei consumi riesce a regolare l’uso energetico.
  • Digi+: chip che permette un controllo in tempo reale sul sovraccarico di tensione, sulla frequenza di commutazione e consente di ottimizzare le regolazioni delle tensioni per offrire migliori prestazioni e temperature della CPU

Audio

La sezione audio è importante quanto le altre e tanti novizi nel settore informatici tendono spesso a sottovalutarla, ma consci del fatto che questa è una componente importante, sopratutto nell’ambito dei videogiochi, Asus ha inserito all’interno dell’Asus ROG RAMPAGE VI EXTREME il suo SupremeFX migliorandolo inverosibilmente creando così un comparto degno di nota, grazie anche dal fatto che è accompagnato da Sonic Studio 3 che vedremo tra poco.
L’uscita cuffie del pannello frontale è dotata di un DAC/AMP integrato SABRE9018Q2C in grado di raggiungere -115dB THD + N per fornire una riproduzione sonora che trasmette tutte le sottigliezze e le sfumature della traccia audio. L’architettura DAC di ESS Hyperstream fornisce una qualità audio elevata e fornisce all’utente un migliore senso di posizionamento. Qui seguente trovate le principali caratteristiche della sezione audio:

  • S1220A CODEC: 10 canali DAC, riproduzione simultanea a 7.1 canali, 2.0-canali indipendenti, multi-stream stereo per le uscite del pannello anteriore
  • ESS SSABRE9018Q2C DAC/AMP: Crea un perfetto equilibro per chiarezza audio ad alto livello do – 112dB THD
  • Condensatori Nichicon: Qualità giapponese per componenti che producono un suono caldo e naturale con eccezionale chiarezza e fedeltà
  • Jack audio illuminanti led
  • Mosfet di commutazione: il suo disegno unico permette la funzionalità impedance-sensing del codec sia sulle uscite cuffie frontali che sul retro

Sonic Studio 3 è un software di gestione audio di Asus che permette di regolare al meglio le impostazioni audio del sistema in modo facile e intuitivo. Abbiamo la possibilità di settarle attraverso dei preset o di regolarli manualmente. Inoltre questa terza versione di Sonic Studio supporta il sorrund virtuale basato su HRTF (head related transfer function) per le cuffie VR. Questa implementazione fornisce una profondità ulteriore al suono così da rendere l’esperienza di gioco più immersiva.
Inoltre Asus ha implementato l’ottimizzazione con Sonic Radar 3, un’overlay di gioco che permette di rappresentare visivamente le attività sonore circostanti al personaggio. Utile per i giocatori professionisti, ma anche per i non udenti o chi ha problemi con l’udito.
Nella sua terza versione l’applicazione ha ricevute alcune migliorie come un upgrade del Motore 3D e dell’algortimo audio che consentono una maggiore precisione nell’individuazione delle attività attorno al personaggio.

BIOS

Il Bios è il cuore della gestione di una MOBO: se riscontriamo un problema noi utenti ci dirigiamo li per comprendere e rimediare all’errore. L’Asus ROG RAMPAGE VI EXTREME ha l’UEFI BIOSed è senza dubbio un BIOS affidabile e facilmente comprensibile e intuitivo grazie alle due modalità che ci offre: Modalità EZ e Modalità Avanzata.
Il primo è una versione semplice e guidata della gestione del sistema ed è stata creata per fornire all’utente medio una possibilità di modifica delle impostazioni base del Sistema senza maneggiare in impostazioni che potrebbero danneggiare il tutto se settate male. Invece la Modalità Avanzata fornisce la modifica di impostazioni un po più complesse rispetto a quelle fornite dalla prima e danno la possibilità all’utente esperto e consapevole di gestire al meglio le sue risorse.
Tutte e due sono presentati in una grafica semplice e non troppo complicata alla visione dei novizi. Tutte le sezioni, come la gestione delle ventole, è rappresentata in maniera chiara e senza troppe informazioni.
Sia la scelta grafica che la suddivisione l’abbiamo apprezzata molto perché evince che Asus ha studiato il feedback della sua utenza e la Modalità EZ è quello che molti utenti cercano ma non hanno mai avuto senza eccessivi compromessi: una modalità guidata che permette la modifica di impostazioni che tutelano la salvaguardia del sistema.

Immagine non relativa alla configurazione usata

Assemblaggio e Prova sul Campo

La configurazione di prova utilizzata in sede di recensione per la Asus ROG RAMPAGE VI EXTREME vedeva:

  • CASE: Cooler Master Masterbox 5
  • MOTHERBOARD: Asus ROG RAMPAGE VI EXTREME
  • CPU: Intel Core i7-7800x
  • RAM: 8 GB (2x4GB) Kingston DDR4
  • SSD: Samsung 850 Evo (256GB)
  • HDD: Western Digital Blue 2TB
  • PSU: Masterwatt Lite 500
  • GPU: Nvidia GTX 1060 MSI Armor (6GB)
  • COOLING: Cooler Master Masterliquid ML240R RGB
  • OS: Windows 10 Home (x64)

Montare l’Asus ROG RAMPAGE VI EXTREME nel Cooler Master Masterbox 5 è stato faticoso a causa delle sue dimensioni interne non propriamente adatte per una MOBO ATX, ma dopo una decina di minuti il tutto è stato installato correttamente e a filo con i limiti del case. Per quanto riguarda il cable managament è stato semplice gestirlo grazie alle feritoie per i cavi pensate anche per questa evenienza.
La MOBO offre molteplici pin per il collegamento di una componente come l’impianto di raffreddamento a liquido (Cooler Master Masterliquid ML240R RGB) che è inseribile in due posti diversi, anche se nel sistema saranno differenziate come “W_PUMP 1” e “W_PUMP 2” fa poca differenza per la gestione. Questa è una feature comoda per chi non ha più possibilità di passaggi dei cavi.

La zona del socket adibita per il massimo supporto delle CPU serie x di Intel, le uniche supportate, è ottimale e fornisce sia ottime prestazioni di raffreddamento che di gestione (di fatti potremmo monitorare le temperature e le frequenza senza troppe difficoltà).
Nonostante questo l’I7-7800x ha teso a riscaldarsi molto, ma questa è solo a causa della serie x che di norma si riscaldano molto. Grazie ai sensori termici posti nella sezione della CPU siamo riusciti a monitorare direttamente dal LiveDash OLED le temperature.

Le 4 slot PCIe adibite nella MOBO assieme ai componenti SLI fornite dalla confezione permettono all’utente di creare configurazioni con più di una GPU senza nessun problema. Inoltre gli slot sono rinforzati, in special modo i due centrali coperti dal ROG Armor, così da evitare che le GPU si piegassero così da mantenere costantemente la perpendicolarità alla MOBO.

CONCLUSIONI

L’Asus ROG RAMPAGE VI EXTREME è senza ombra di dubbio un opzione molto valida per chi punta al top della qualità per il proprio PC. Con il supporto a uno della serie di processori più potenti sul mercato e le ottime feature che consentono prestazioni al top delle qualità, troverete grandi soddisfazioni in fase sia di gioco che di Lavoro. Abbiamo molto apprezzato la gestione dei LED installati nella maggior parte della MOBO e grazie ad Aura Sync avremmo la possibilità di creare un vero e proprio spettacolo luminoso sincronizzato nel nostro PC. La gestione del sistema attraverso il UEFI BIOS è più che affidabile e rapido e le temperature che potremmo tenere sempre sotto controllo grazie al LiveDash OLED è una chicca molto apprezzabile.

L’Asus ROG RAMPAGE VI EXTREME si trova sul mercato al prezzo di € 650 all’incirca. Un prezzo notevole, ma considerando tutto ciò che offre è un prezzo adeguato. Se siete interessati ecco a voi la pagina Amazon del prodotto.