halo infinite multiplayer sword

Durante l’ultima flight di Halo Infinite alcuni dataminers sembrerebbe essere riusciti a trovare alcuni file inerenti a delle mappe inedite del titolo. Seppure questa pratica sia solitamente molto efficace per l’ottenimento di leak da parte del gioco non garantiamo sulla veridicità delle informazioni che verrano qui riportate in quanto, per l’appunto, non ufficiali.

La prima delle 3 mappe trafugate sembrerebbe ambientata in una struttura adibita alla cultura idroponica, non si sa molto della azienda proprietaria “Aquarius“. Non sembra però così improbabile la presenza di questa mappa sopratutto a seguito degli artwork rilasciati in settimana dalla stessa 343Industries.

Anche la seconda mappa ha delle somiglianze con alcuni dei lavori di progettazzione degli sviluppatori. Questa mappa nel particolare si potrebbe pensare possa essere ambientata a Nuova Mombasa. Lo si può dedurre dalla presenza sullo sfondo di un ascensore gravitazionale, di una stazione della metro e di un cabinato telefonico sull destra che ricorda molto quelli da cui era solito interfacciarsi Virgil in Halo 3: ODST.

La terza mappa invece è totalmente inedita. Con ogni certezza sarà ambientata sull’anello, ma molti sono gli interrogativi che ci sorgnono in mente, ad esempio la nave che spunta sullo sfondo, come si chiama? Avrà un’importanza a livello di lore nella campagna? Sappiamo che non è raro ritrovare nelle mappe multiplayer rimandi alla main-storyline, perciò essendo questa mappa ambientata su Zeta Halo, non vediamo l’ora di saperne di più.

multiplayer map
Mappa sconosciuta sempre proveniente dal leak.

Se si analizza l’account proprietario dei dataminers, sarà possibile evincere la presenza di altri ulteriori leak, più o meno plausibili. Dalla presenza dei laser delle sentinelle precursoree a emblemi e pose, oltre che a effetti di morte.

E questo è tutto per adesso. Speriamo davvero di ricevere nuove conferme nei prossimi mesi con l’avvicinarsi sempre di più della data di rilascio di Halo Infinite prevista adesso per l’8 dicembre.