Per diversi anni, Netflix si è dimostrato un sito da guardare per i suoi contenuti originali.

La piattaforma di streaming ha rilasciato decine di nuove serie e film quest’anno, con alcuni che hanno ricevuto consensi dalla critica e altri sono stati soprannominati un flop totale.

Ecco 10 dei migliori e 9 dei peggiori originali Netflix che sono usciti nei nostri schermi nel 2019.

Una serie di sfortunati eventi

Riepilogo: adattato dagli acclamati libri per bambini di Lemony Snicket, la terza e ultima stagione di “Una serie di sfortunati eventi” segue i guai e le prove dei tre orfani di Baudelaire e la loro caccia alle risposte in un mondo pieno di spie, furfanti e piste difficili.

Molti critici e il pubblico hanno ritenuto questa stagione una conclusione super soddisfacente e impressionante per la serie.

“Approfondendo le caratterizzazioni dei Baudelaires, del Lemony Snicket e del Conte Olaf, il cast principale ottiene un sacco di ottimo materiale con cui lavorare e offre delle performance in perfetta sintonia tra loro”, ha scritto il critico Jonathon Dornbush per IGN Movies.

Russian Doll

Riepilogo: In “Russian Doll“, una serie di fantascienza con una vena comica oscura, Natasha Lyonne interpreta Nadia, una donna bloccata in un ciclo temporale che ricomincia ogni volta che muore. Riportata ripetutamente nella notte del suo trentaseiesimo compleanno, Nadia cerca di rimanere in vita mentre cerca un significato più profondo della sua nuova immortalità.

Sia il pubblico che i critici hanno particolarmente apprezzato la straordinaria performance di Lyonne nella serie.

La critica Linda Holmes ha recensito la serie Netflix per NPR, scrivendo: “È una performance in cui l’attore capisce il personaggio così bene, fino a ogni piccolo gesto che fa, ogni contrazione del suo viso, che a volte è sorprendente ricordare che è finzione “.

When they see us

Riepilogo: Nella commovente serie drammatica “When They See Us“, la creatrice Ava DuVernay racconta la vera storia caricata a livello razziale dietro il famigerato “Central Park Five” dal punto di vista dei cinque giovani ragazzi falsamente accusati di violenza sessuale nel 1989.

I critici hanno avuto molte cose positive da dire sulla serie, in particolare lodando le sue scelte artistiche.

In una brillante recensione di “When They See Us“, il critico del quotidiano Verne Gay ha scritto: “DuVernay fa una scelta artistica efficace filmando gran parte di questo attraverso un filtro blu, in modo che il mondo dei ragazzi sia avvolto da un buio indaco kafkiano dal quale loro – e lo spettatore – non possono trovare scampo “.

I am mother

Riepilogo: “I Am Mother” è un film di fantascienza basato sulla suspense incentrato su una ragazza (Clara Rugaard) e sul suo rapporto con un robot di nome Madre (Rose Byrne), che è in missione per ripopolare la terra dopo un evento globale devastante. Ma quando una sconosciuta disperata (Hilary Swank) si fa strada nella loro casa, la ragazza inizia a mettere in discussione la madre e tutta la sua educazione.

I critici sono stati per lo più spiazzati per via dell’azione del film e del cast principale.

“Rugaard, una 21enne danese-irlandese, sembra una grande scoperta”, ha scritto il critico David Fear per Rolling Stone. “È una presenza dinamica che presta sangue, coraggio e anima a questa visione distopica.”

Stranger Things

Riepilogo: Ambientato nell’estate del 1985, l’ultima stagione di “Stranger Things” segue il cast di personaggi mentre esplodono fuochi d’artificio e si intrufolano nelle proiezioni di “Day of the Dead”. Come sempre, il divertimento è di breve durata quando i bambini si rendono conto che una minaccia paranormale incombe più che mai sulla cittadina di Hawkins, nell’Indiana.

Sebbene questa non sia la stagione più votata della serie, i critici hanno ancora lodato questa elettrizzante raccolta di episodi.

Dead to Me: Amiche per la morte

Riepilogo: Christina Applegate e Linda Cardellini recitano nella serie contorta nella commedia oscura “Dead to Me“. Dopo l’improvvisa perdita del marito in un incidente, Jen (Applegate) fatica ad andare avanti e trova conforto in Judy (Cardellini), un’altra donna nel suo gruppo di supporto. Mentre le due donne diventano amiche, Jen inizia a chiedersi chi sia davvero Judy e se avesse ulteriori motivi per cercarla.

Tutto sommato, i critici hanno apprezzato la serie e la straordinaria chimica e il dialogo rapido delle star principali.

“Per tutti i set elaborati e i motivi drammatici, sono le due attrici protagoniste di Dead to Me che danno vita alla storia”, ha scritto il critico Justin Kirkland per Esquire Magazine.

Dark Crystal: La Resistenza

Riepilogo: Dark Crystal: La Resistenza ritorna nel mondo di Thra, con una nuovissima avventura. Quando tre giovani Gelfling scoprono l’orribile segreto alla base del potere degli Skeksis, intraprendono un viaggio epico per accendere i fuochi della ribellione e salvare il loro mondo.

La Resistenza è un fantasy epico ricco di azione che non smette mai di correre verso il traguardo. E mentre ci sono molte domande lasciate in sospeso alla fine, racconta una storia completa con un inizio, una metà e una fine. Se non c’è mai stata una stagione 2 (e buon dio, spero che ci sia) avrete comunque assistito a una delle produzioni più straordinarie nella storia della TV e una delle migliori fantasie moderne mai realizzate per il piccolo schermo.

Peaky Blinders

Riepilogo: La stagione 5 vede il mondo gettato nel caos dal crollo finanziario del 1929. Opportunità e sventura sono ovunque. Quando Tommy, che ora è un parlamentare, viene avvicinato da un politico carismatico con una visione audace per la Gran Bretagna, si rende conto che la sua risposta influenzerà non solo il futuro della sua famiglia ma quello dell’intera nazione. 

Una serie tv avvincente perchè offre un punto di vista differente sulle vicende storiche che hanno caratterizzato la prima metà del Novecento: dai problemi sociali che attanagliavano i quartieri poveri delle città britanniche all’ascesa dei nazionalismi in Europa.

Unbelievable

Riepilogo: Ispirata a fatti realmente accaduti, la miniserie racconta la storia di Marie, un’adolescente accusata di mentire sulla violenza subita da uno sconosciuto che si è introdotto nella sua abitazione. Il caso viene seguito da un detective, che la spinge a confessare di non aver subito l’abuso. Nel frattempo due detective donne, appartenenti a due diversi distretti di polizia, scoprono che ciascuna di loro sta seguendo un caso di abuso sessuale che presenta delle forti analogie con il caso dell’altra. Attraverso un percorso tortuoso le due detective scopriranno la verità e troveranno il colpevole

Unbelievable è una delle storie più importanti che arrivano sulla principale piattaforma di streaming, fornendo chiarezza ed educazione sulle vittime di violenze sessuali.

Mindhunter

Riepilogo: La seconda stagione è ambientata tra il 1980 e il 1981 e copre gli omicidi di Atlanta del 1979-1981. Questo si basa sul caso reale di Wayne Williams, che è stato accusato dell’omicidio di due uomini adulti ma non è mai stato dichiarato colpevole di aver ucciso almeno 28 bambini e adolescenti.

Un crime-drama sofisticato, che non può mancare nella lista delle migliori Serie TV del 2019.

Murder Mystery

Riepilogo: In “Murder Mystery“, una commedia originale di Netflix, Adam Sandler e Jennifer Aniston interpretano una coppia sposata che si ritrova al centro della prematura scomparsa di un miliardario.

La maggior parte della critica pensa che il film fosse pigro e rozzo, nonostante i migliori sforzi di Sandler e Aniston.

“Murder Mystery è una produzione stanca, al limite di uno sforzo noioso – sentirsi come il pilot di un programma televisivo non molto buono – oltre a ricordare che il contenuto di Netflix soddisfa tutti i gusti, “ha scritto il critico Brian Lowry per la CNN.

Chambers

Riepilogo: Nella serie horror soprannaturale “Chambers“, una giovane donna inizia a sperimentare terrori paranormali dopo essere sopravvissuta a un’esperienza pre-morte e ricevere un trapianto di cuore.

Uma Thurman, Sivan Alyra Rose e Tony Goldwyn recitano nella serie, lasciando i critici desiderosi di non aver mai cliccato su Play.

“Molti si sentiranno come se avessero già visto Chambers“, ha scritto il critico Nick Schager nella sua recensione per The Daily Beast. “Quelli che non conoscono cose così fuori dal comune, d’altra parte, vorranno non averlo mai visto prima.”

What/If

Riepilogo: La serie Netflix “What / If” funge da antologia con una lezione morale al centro di ogni episodio. Il thriller è interpretato da Renee Zellweger, Jane Levy e Blake Jenner e analizza il significato della vita e se le persone hanno il libero arbitrio o sono guidate dal destino.

Il ruolo di Zellweger in questa serie non è stato ben accolto dalla critica, che ha ritenuto che la sceneggiatura dello show fosse un casino.

“Un noir-thriller che non lo è”, ha scritto il critico australiano Wenlei Ma. “Questa è una soap opera disordinata e trasandata in prima serata, tranne che in streaming. O peggio, un film di mezzogiorno con un budget di produzione leggermente più alto e un premio Oscar.”

The Dirt

Riepilogo: Le vite sporche e dissolute dei membri della band Mötley Crüe sono messe in mostra in questa drammatica rivisitazione dei primi anni della band.

Con Douglas Booth, Iwan Rheon e Machine Gun Kelly, i critici hanno definito “The Dirt” una delle offerte meno soddisfacenti di Netflix.

Il critico di Variety Owen Gleiberman non è rimasto impressionato dallo sforzo del biopic, scrivendo: “È solo uno sketchbook in stile VH1 di un film sottilmente scritto – vale a dire, è un film Netflix, con atmosfera zero, illuminazione eccessivamente smussata e un logorio di qualità telegrafica post-psicologica che non ti dà nulla da leggere tra le righe “.

Close

Riepilogo: Nel film d’azione “Close“, Noomi Rapace guida il cast nei panni di Sam, un esperta di antiterrorismo che è costretta a fuggire quando lei e la donna sotto la sua protezione vengono attaccate.

I critici hanno applaudito all’uso del desiderio femminile nel film in un thriller d’azione, ma non gli è piaciuto molto altro a causa dei troppi tempi morti del film e della sceneggiatura inerte.

“Rapace dà tutto al film, offrendo una prestazione intensa e fisicamente impegnativa, ma Close non si avvicina abbastanza a trascendere i suoi cliché di film d’azione”, ha scritto il critico Frank Scheck per The Hollywood Reporter.

Io

Riepilogo: “IO” è un film di fantascienza con uno stile drammatico con Margaret Qualley nei panni di Sam, una delle ultime persone rimaste sulla Terra a seguito di una crisi globale e la sua determinazione a salvare il pianeta. Le sue intenzioni per salvare il pianeta da se stesso sono quindi influenzate dall’arrivo di un altro sopravvissuto, Micah (Anthony Mackie).

L’originale di Netflix è stato deriso dalla critica per essere troppo lento e poco brillante per il suo bene.

“Non è un buon segno … quando un film apparentemente inteso a riaccendere la propria fiducia nell’umanità ti fa desiderare invece un’apocalisse permanente”, ha scritto il critico di The Hollywood Reporter Keith Uhlich.

La vita dopo i figli

Riepilogo: Tre madri con figli adulti decidono di prendere la festa della mamma nelle loro mani in questo film di Netflix.

Con le attrici iconiche interpretate da Angela Bassett, Patricia Arquette e Felicity Huffman, “La vita dopo i figli” ha certamente una qualità da star ma la sua trama è sottile e la sceneggiatura scadente.

“L’idea è buona, ma non è abbastanza sviluppata per renderla una storia completamente carica con personaggi intriganti e multidimensionali”, ha scritto la critica Maria Lattila per Film Inquiry. “La vita dopo i figli finisce per essere dimenticabile, noioso e talvolta offensivo.”

Rim of the world

Riepilogo: Quattro ragazzini in un campo notturno si trovano al centro di un’invasione aliena in questo film d’azione e avventura di Netflix rivolto ai bambini. Isolati senza tecnologia e lasciati a se stessi, i disadattati decidono di affrontare il destino del mondo.

E anche se i critici pensavano che il film avesse un certo valore per i giovani spettatori, nel complesso non sono rimasti impressionati dalla sceneggiatura prevedibile del film.

Il critico di Roger Ebert, Nick Allen, ha scritto di aver capito cosa stava cercando di fare il film, ma sentiva ancora che mancava il segno. “Il suo valore più grande è probabilmente il modo in cui potrebbe educare gli amanti del cinema in erba a raccontare storie sdolcinate e prevedibili, ma anche questa sembra una lezione che Rim of the World insegna cinicamente a livello elementare”, ha scritto Allen.

Polar

Riepilogo: In “Polar“, Mads Mikkelsen interpreta Duncan Vizla, l’assassino più famoso del mondo. Al culmine della pensione, Vizla si ritrova riportato nella vita che aveva giurato che fosse finita, mentre i giovani assassini mirano ad ucciderlo.

Come molti recensori, il critico Robert Abele ha ritenuto che il film Netflix fosse uno slogan difficile da affrontare.

“Peccato che l’unico brivido che provi da tutto il film è che sai che ogni morte cartoonesca ti porta molto più vicino ai titoli di coda”, scrisse Abele per il Los Angeles Times


Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti e non dimenticate di seguirci sulle nostre pagine social e su 17kgroup.it per notizie, approfondimenti, recensioni e tanto altro sul mondo nerd a 360 gradi!