Colmando il divario tra la fine della prima stagione e la seconda stagione che debutterà il 5 aprile, lo speciale natalizio de Le Terrificanti Avventure di Sabrina trova la famiglia Spellman che celebra il solstizio d’inverno. È la settimana prima di Natale e Sabrina, ancora emotivamente distrutta per aver dovuto firmare il suo nome nel Libro della Bestia e per la rottura con Harvey, si sente confusa. Desidera chiacchierare con la sua defunta madre, Diana (Annette Reilly), che ha intravisto nel limbo nell’episodio 9 per avere una guida su come bilanciare i suoi lati mortali e da strega.

Decide di organizzare una seduta per contattare sua madre, che la conduce alla signora Wardwell / Madame Satan (che abbiamo visto per l’ultima volta mangiare il personaggio di Hawthorne interpretato da Bronson Pinchot nel finale di stagione). Wardwell sta vivendo la sua versione distorta del Disturbo Affettivo visto che Satana deve ancora premiarla per aver portato Sabrina nel suo regno. Quindi, quando Sabrina arriva per caso, lei accetta di aiutarla prestandole una copia del Libro dei Morti che è necessario per eseguire il rituale.

Prima ancora di incasinare forze che ancora non capisce, Sabrina incontra Harvey per dargli una serie di matite incantate che non saranno mai consumate. Anche se è pienamente consapevole di essere a disagio con la magia.

Rendendosi conto che non può contattare il mondo degli spiriti da sola, si rivolge a Roz e Susie per chiedere aiuto, ma a ragione i suoi amici diniegano prontamente. Questo perchè hanno ancora bisogno di un po ‘di tempo per adattarsi a questa scoperta. Inoltre, Roz è impegnata con gli obblighi familiari per le vacanze e Susie ha un lavoro come aiutante elfa di Babbo Natale – una tradizione di Greendale – nei grandi magazzini locali. Con i suoi amici indisponibili, arruola l’assistenza delle Sorelle Wyrd, che sono più che felici di partecipare a qualche seduta soprannaturale di Yuletide.

Nel frattempo, a casa degli Spellman, le zie di Sabrina hanno preparato un ornamento di Yule nel fuoco che deve bruciare attraverso il solstizio del 21 dicembre per tenere lontani gli spiriti maligni.  Tutta l’allegria della festa ha chiaramente un effetto su Zelda ovvero di abbassare la guardia su Letitia, la bambina che ha rapito da padre Blackwood nel finale di stagione e che intende allevare come sua.

Nella sua camera da letto, Sabrina è accompagnata da Prudence, Agatha e Dorcas per la seduta spiritica. Tuttavia, trattandosi de Le Terrificanti Avventure di Sabrina, le cose si complicano piuttosto rapidamente. Poiché il Solstizio è il periodo dell’anno in cui il velo tra i mondi dei vivi e dei morti è più stretto, alcuni spiriti maligni si intromettono nel nostro regno quando Sabrina contatta Diana – estinguendo lo Yule Log delle Spellman e genuinamente portando le cose oscure a venir fuori.

Nel frattempo, il lavoro di Susie come aiutante di Babbo Natale prende una svolta oscura quando viene rivelato che il Babbo Natale per cui lavora è in realtà un Demone Yuletide che cerca di immortalarla eternamente in cera per diventare una parte permanente dei suoi tableaux di Natale. Mentre Putnam e Roz (di cui Cunning le aveva detto che qualcosa stava succedendo a Babbo Natale) iniziano a indagare sulla scomparsa di Susie, gli Spellman devono risolvere i guai causati dai Yule Tots che si infiltrano nella casa attraverso la disastrosa seduta di Sabrina. Per liberarsi di questo caos natalizio, sono costretti ad arruolare l’aiuto di Gryla (Heather Doerkson) una strega nota per aver mangiato bambini.

Per il costo di un po ‘di gin Gryla acconsente a liberare la casa dagli arruffati Yule Tots anche se poi ci saranno delle piccole complicanze che poi le sorelle Spellman riusciranno a risolvere. E oltre a questo, sempre grazie a Gryla salveranno Susie dalle grinfie del demone Yuletide.

Lo speciale de Le Terrificanti Avventure di Sabrina | Un racconto di mezzo inverno arriva come un po ‘di carbone nella calza da parte di Netflix. Non è male, ma non è nemmeno particolarmente buono. Più volte, e nonostante i migliori sforzi per trovare le ragioni per respingere i nostri dubbi, ci si sente come se lo show volesse solo finire l’episodio e spera che la risonanza emotiva di ciò che accade con Sabrina sia sufficiente per soddisfarci (ma non lo è).

Questo vuoto è particolarmente evidente nella trama che coinvolge Susie e Roz. La loro inclusione nell’episodio sembra del tutto superflua – Sabrina dice anche che vuole dare spazio ai suoi amici nei primi minuti (una buona idea quando stai essenzialmente facendo un episodio speciale) ma alla fine la trama si svolge tutto frettolosamente. Lo show è stato ordinato per 20 episodi in due stagioni (ed è di pochi giorni l’annuncio di altre stagioni dello show) quindi non è chiaro se un episodio speciale di festa sia stato sempre pianificato o richiesto dopo l’arco delle stagioni che è già stato progettato.

È discutibile che molte delle carenze dell’episodio possano essere ricondotte al fatto che la trama centrale dell’episodio – la ricerca del contatto con la madre di Sabrina- ci ha lasciato desiderare molto di più. Per tutte le domande che noi spettatori, e Sabrina stessa, abbiamo per sua madre, è stato frustrante che si sia ottenuto poco più del suo aiuto per risolvere una trama sciocca con gli Yule Lads che cercavano di rubare un bambino già rubato. Certo, ci può anche stare, ma dove lo show avrebbe potuto seguire un percorso più sovversivo che scavava nella storia della famiglia di Sabrina pur essendo veloce e interessante, invece si sente eccessivamente raffazzonato e noioso.

Inoltre, il motivo che la madre di Sabrina sia nel limbo – preoccuparsi che sua figlia non sarebbe stata abbastanza amata dai suoi parenti sopravvissuti – sembrava una scusa pigra quando c’è chiaramente molto più mistero dietro la sua morte. In conclusione questo episodio speciale natalizio avrebbe potuto fare di meglio come il far avanzare la storia in seguito agli eventi del finale ma alla fine si rileva un episodio semplicemente a se stante in periodo natalizio che comunque si rivela non ai livelli degli episodi della prima stagione. Carino ma niente di che. Attendiamo con più voglia la seconda parte!