db_destiny_130Salve Guardiani e bentornati ad un nuovo Destiny Planet, piccolo speciale dedicato ai pianeti del Sistema Solare e alla loro storia in Destiny. Vi avevamo parlato in precedenza della Terra e di come è cambiata dall’Età dell’Oro sino ad adesso; oggi invece vogliamo trattare con voi un pianeta denso di misteri: Mercurio.

 

Prima dell’arrivo dei Vex, durante l’Età dell’oro portata dal ViaggiatoreMercurio era un pianeta fertile e con un clima tropicale: caldi oceani ricoprivano la superficie, l’aria era respirabile e l’atmosfera densa. Se gli essere umani abbiano effettivamente colonizzato questo pianeta, non è ancora un dato certo, tuttavia i Cabal hanno raggiunto questo pianeta per studiarlo. Il Grimorio ci pone davanti ben due teorie:

  • Una secondo cui qualcosa abbia impattato col la superficie, scagliando tutto ciò che componeva questo paradiso tropicale verso lo spazio;
  • L’altra per cui tutta la parte organica del pianeta abbia lasciato di sua spontanea volontà il pianeta, come se avesse vita propria, lasciando un enorme scheletro meccanico.

Quest’ultima teoria ne alimenta un’altra secondo cui alcuni pianeti del Sistema Solare contengano delle strutture Vex antichissime. Ma questa è un’altra storia!

I MISTERI

UNA METROPOLI MECCANICA: come detto in precedenza Mercurio è un pianeta misterioso e tra i più grandi misteri ne troviamo uno relativo ai Vex ossia una metropoli meccanica, simile a quelle che si possono trovare su Marte e Venere, ma su scala planetaria. Lo scopo di molte delle strutture che si possono trovare è un mistero, ma hanno trovato largo spazio come arene per il Crogiolo, abituando i Guardiani alle distorsioni temporali.db_destiny_130
IL FARO: ricompensa per coloro che riescono a non essere mai sconfitti durante le Prove di Osiride. Luogo affascinante e anche una delle poche dimore e luoghi di studio di Osiride (Qui potete trovare anche la seconda parte della lore su Osiride) e il suo culto. Avrete sicuramente presente il portale sotto le “rovine” del Faro; ebbene anche in questo caso si può teorizzare che sia stato utilizzato per fuggire da qualcosa, come testimoniano dei resti Vex e probabilmente umani, oppure per arrivare in qualche altro luogo altrettanto sconosciuto.Destiny-Screen-Shot-2015-05-22-12.00-PM-1
LA FORGIA: altare dove i Titani apprendono e ottengono l’energia solare per divenire Spezzasoli. Molto probabilmente il “Martello di Sol” non è l’unica arma che la Forgia è in grado di “forgiare”. Una spada o simile sarebbe di vostro gradimento? Tuttavia la domanda sorge spontanea: “Da dove arriva questa energia?“. In questo caso ho una teoria puramente personale: un Guardiano appartenente alla classe dei Titani, potrebbe essere riuscito ad ottenere l’energia solare direttamente dal Sole per poi imbrigliarla in questo altare, sperando che altri Guardiani potessero farne il dovuto uso. Un po’ come fece Kabr con l’Egida nella Volta di vetro.Schermata da 2015-12-07 21:37:54

La speranza di poter un giorno camminare su questo affascinante e misterioso pianeta permane, Guardiani! Cosa ne pensate di questo pianeta? Sarebbe interessante vedere come potrebbe essere inserito in Destiny.