Capitolo 3. Il Viaggiatore

Mentre viaggiavamo tra le nuvole e oltre, danzando come una libellula sopra uno specchio d’acqua, la mia testa si riempiva di pensieri e di domande alle quali cercavo disperatamente una risposta. Io ero sicura di non appartenere a quel luogo e di conseguenza volevo sapere come ci ero finita. Poi perché quegli esseri così letali quanto affascinanti, i caduti, volevano proprio me? Passammo attraverso nuvole grigie cariche di pioggia e saette che variavano tra il bianco accecante e il blu intenso. Una volta superata quella coltre oscura, davanti a me si vedeva colpita dai raggi del sole quella che probabilmente lo Spettro aveva chiamato “Torre” e ora capisco perché, visto che è esattamente una torre. Sopra di essa, poco più lontana si poteva vedere un enorme sfera che levitava tra le più basse nuvole e si ergeva quasi prepotentemente sul panorama circostante facendo calare l’ombra sulla città sottostante. Dopo neanche cinque minuti la nostra astronave raggiunse la piazza principale e il teletrasporto mi fece scendere vicino al corrimano che faceva da recinzione mentre la nave proseguiva verso l’hangar.

“Benvenuta sulla torre Guardiana, ora facciamo un piccolo giro così in futuro saprai orientarti! Cominciamo dalla Torre Nord, dove risiede il nostro mentore e la nostra guida: L’Oratore!”

La Torre era immensa e ricca di vita, c’erano persone ovunque che camminavano veloci da una parte all’altra indaffarate, chioschetti con venditori e in lontananza sulla destra si poteva vedere benissimo uno splendido albero secolare con il tronco torto, che sembrava quasi volerti abbracciare e una folta chioma di foglie che variavano dal viola acceso al rosso porpora. Sotto i miei piedi, prima della scalinata che ti portava effettivamente in piazza, c’era una scritta dorata incisa: “atrivm propvgnatorvm”.atrium

“Forza, non perdiamo tempo ti porto dall’Oratore!”

Ci mettiamo in cammino e procedendo sulla sinistra raggiungiamo la torre Nord dopo aver attraversato una piccola galleria: sulla mia sinistra c’era una sorta di osservatorio e lo spettro me lo indica facendomi capire che era lì che risiedeva l’Oratore. Entrando rimasi perplessa dalla bellezza di quel bizzarro posto. Al centro della stanza c’era questa sorta di grande macchinario con braccia che facevano avanti e indietro percorrendo una sorta di orbita. Il mio stupore venne subito interrotto da alcuni passi dietro di me e girandomi vidi questo losco individuo vestito interamente di bianco con una maschera che copriva l’intero volto. Molto probabilmente quello era l’Oratore, anche se la prima impressione, quasi istintivamente, mi suggeriva che fosse una minaccia.speaker

“Dunque, infine sei riuscita a giungere fino a qui, Guardiana! Ne hai passate già delle belle vero? Io sono l’Oratore il portavoce del Viaggiatore, colui che al momento sta proteggendo gli ultimi rimasti dalle minacce al di fuori di queste mura!”

Gli chiesi: “Il Viaggiatore è quella specie di sfera lì fuori?”

“Esattamente e scommetto che hai un sacco di altre domande da farmi e gradiresti altrettante risposte! Finché il Viaggiatore non si sveglia e parlerà di nuovo, io sarò la sua voce! Sono l’Oratore! C’è stato un tempo in cui eravamo molto più forti, ma adesso con il Viaggiatore in queste condizioni le nostre difese sono minori! Il suo ultimo atto, prima di esalare il suo ultimo respiro fu quello di dare la vita agli Spettri che avrebbero avuto il compito di trovare persone come te, persone in grado di utilizzare e brandire la Luce come arma per affrontare il nemico!”

“Cosa gli è successo?”

“Potrei narrarti della Grande Battaglia, portata avanti centinaia di anni fa e di come il Viaggiatore fu ferito! Potrei narrarti della potenza dell’Oscurità, il più grande nemico del Viaggiatore e di conseguenza anche il nostro acerrimo nemico! Sono tante le storie che vengono tramandate sulla torre, per spaventare i bambini, ma che ora non vengono più raccontate! Tuttavia i bambini sono ancora spaventati! L’Oscurità è tornata e questa volta non sopravviveremo!”

“Le sue armate ci circondano, i caduti sono solo l’inizio!” Si intromise lo spettro.

“Come posso aiutare?”

“Combatti. Combatti per proteggere il Viaggiatore e tutti noi! Combatti contro l’Oscurità come stanno facendo gli altri Guardiani sulla Terra e altrove!”