Carissimi lettori di The Tower-Destiny Italia ecco a voi l’episodio numero 25 della nostra rubrica dedicata alla Lore di Destiny, questa volta vi parlerò di alcuni celebri guardiani. Tutti questi prodi combattenti della Luce offrono interessanti storie e spunti, tuttavia nessuna figura può essere approfondita singolarmente, vista la scarsità di informazioni, quindi ho deciso di raggrupparli in un unico articolo. Buona lettura!

ANA BRAY

Ana Bray fu una cacciatrice, in particolare una Pistolera, molto abile e potente che partecipò alla Battaglia del Crepuscolo (se vi interessa l’argomento ecco il link al mio articolo). Ana condusse un gruppo di cacciatori all’attacco contro le ondate di Caduti, indossando il suo celebre mantello “Forza del Branco” e sfruttando a pieno la sua Luce. Si racconta che quando usava la Pistola d’Oro lasciava delle macchie di Luce solare dove erano stati colpiti i nemici, queste macchie continuavano a bruciare mietendo altre vittime. Nonostante questa dimostrazione di potere Ana e i suoi compagni furono sconfitti dalle orde Cadute e la città venne salvata dall’intervento dei Titani guidati da Lord Saladin.

destiny___strength_of_the_pack__wallpaper_version__by_overwatchgraphics-d7p2ifk

PAHANIN

Il Cacciatore Pahanin faceva parte della squadra di Kabr e Praedyth che svolse una leggendaria, quanto sfortunata, incursione nella Volta di Vetro. Pahanin fu l’unico che riuscì ad uscire vivo da quell’incubo dove le macchine plagiano lo spazio tempo e visse tutta la sua esistenza temendo la solitudine e sentendo la mancanza dei suoi vecchi amici.
Decise quindi di creare un’arma sfruttando tecnologie dell’Età dell’Oro e fabbricò l’Ottimo Consiglio. Questa mitragliatrice grazie alla sua intelligenza artificiale sviluppò una personalità, una memoria ed un carattere abbastanza sfacciato, in questo modo poteva tenere compagnia al suo creatore.

LYSANDER

Lysander rappresenta l’archetipo di uno dei nemici più insidiosi della Città e del suo governo ossia il ribelle interno che complotta per abbattere l’ordine costituito con grande fatica. Egli infatti guidò il Concordato, una organizzazione di sua creazione, contro l’Avanguardia e il Consenso, il parlamento della Città, per sferrare un vero e proprio colpo di stato. Tuttavia i guardiani della Nuova Monarchia si ribellarono ed assestarono un colpo decisivo al Concordato, vanificando gli sforzi bellici di Lysander. Insomma l’Oscurità è il più grande nemico ma l’umanità non si smentisce mai, sempre pronta a tramare anche nelle situazioni dove è necessaria unità e coesione. La torre dove si riuniva il Concordato venne occupata ed  usata come arena del Crogiolo con il nome di “Stendardo Decaduto”.

maxresdefault

I REDJACK

Vi siete mai chiesti come vengano scelte le Arene del Crogiolo dove far combattere i Guardiani uni contro gli altri? A selezionare tali Arene sono i Redjack, una squadra di Guardiani al servizio di Lord Shaxx che hanno il compito di svolgere ricognizioni in tutti il Sistema Solare. I Redjack valutano se una zona strappata all’Oscurità sia sicura ed idonea al combattimento del Crogiolo; a volte una determinata zona viene scelta non tanto per la sicurezza ma in quanto la presenza di dodici agguerriti Guardiani rappresenta un monito chiaro per chiunque: questo luogo è della Luce e guai a chi prova a conquistarlo!

I SEI COYOTE

Appena dopo il Crollo la vita era molto dura, l’Oscurità incombeva ovunque e la disperazione portava le persone a comportarsi in maniera folle. In questo caos emersero i Sei Coyote, un gruppo di Cacciatori leggendari che combatterono sulla Terra, esplorando zone ignote e garantendo protezioni ai  più deboli. La loro fama vive ancora nel loro celebre mantello che reca il simbolo del Coyote, indossato da coloro che si ispirano a valori di questi sei prodi Cacciatori.

maxresdefault (1)

THALOR

Alcuni Guardiani sono diventati celebri per le loro gesta contro i mostri dell’Oscurità, altri invece vengono ricordati per le loro abilità in Crogiolo. E’ il caso di Thalor, un potentissimo Titano che dominò per un lungo periodo il Crogiolo guadagnando la fama di essere invincibile. Il suo simbolo era la mazza dorata, probabile riferimento al fatto che fosse un Titano Spezzasole, e il suo marchio era celebre in tutte le Arene. Tuttavia non si dimostrò veramente invincibile, infatti il Guardiano perduto Dredgen Yor riuscì a sconfiggerlo.

destiny___thalor_s_golden_maul_wallpaper_by_overwatchgraphics-d7pi0s1

CONCLUSIONE

La Lore di Destiny è fatta di grandi eventi, leggende suggestive e misteri affascinanti ma vi sono anche piccole realtà, brevi racconti che rendono ancora più speciale questo stupendo universo.