Fedeli lettori di The Tower-Destiny Italia ecco a voi il nuovo episodio di Destiny Lore! Questa volta vi parlerò di Quria, la potente mente Vex che sfidò Oryx tentando di diventare più potente di un dio. Per scrivere questo articolo mi sono basato sui frammenti XXXIX, XL e XLIII dei Libri del Dolore dove troverete raccontata tutta la vicenda.
Buona lettura!

L’ARRIVO DEI VEX E DI QURIA

L’incontro fra l’Alveare e i Vex fu piuttosto accidentale e fu causato da Crota, figlio di Oryx. Il principe dell’Alveare infatti aprì uno squarcio tra le realtà usando la sua spada e da questa frattura uscirono le creature meccaniche: i Vex che erano guidati da una potente mente denominata Quria. Inizialmente i Vex si trovarono in difficoltà, la loro mente meccanica non riusciva a comprendere la Logica della Spada, finché non scese in campo direttamente Quria Trasformazione della Lama, la quale riusci a comprendere la logica che guidava le azioni dell’Alveare.
Dallo squarcio creato da Crota uscirono enormi unità Vex, ma prima che potessero essere attaccati sparirono in un lampo e andarono a combattere contro le schiere dell’Alveare; il bilancio furono duemila accoliti e diecimila schiavi uccisi.

6QUvoHc

GUERRA E SAPIENZA

La minaccia era diventata tangibile, le due sorelle di Crota, ossia le Cantamorti Ir-Halak e Ir-Anuk, cercarono di sigillare lo squarcio usando un totem plasmato da loro stesse. Tuttavia Quaria aveva previsto questa mossa e aveva creato un meccanismo che teneva aperto il portale per poter raggiungere il suo obbiettivo finale: sfruttare le leggi fisiche paracasuali del trono di Oryx per diventare un essere divino. Per riuscire in questo grande obiettivo Quria lanciò una serie di invasioni che durarono per circa cento anni senza che nessuna delle due specie riuscisse a sconfiggere definitivamente l’altra. Halak sentiva già imminente la punizione per mano del padre e si disperava.
Quria riuscì persino a rubare alcune larve dei vermi e iniziò a condurre esperimenti su di esse manifestando ben presto tattiche religiose per sfruttare i poteri ontopatogenici del verme stesso. Creò così un ordine di menti-sacerdote, uccise creature pericolose per diventare come gli dei dell’Alveare ma non introdusse mai dentro di se il verme, temendo probabilmente di diventarne schiava.
La situazione era gravissima e necessitava l’intervento di qualcuno di veramente potente, Eir il verme lo chiamò e disse: “Oryx, rimetti in ordine il tuo mondo!”

Destiny-I-Vex-SPECIALE

LO SCONTRO FINALE

Oryx raggiunse il suo mondo e lesse le Tavole della Rovina, gettò alcuni Vex negli squarci e riuscì a corromperli creando così un nuovo esercito per contrastare le macchine. Quria tentò di reagire ma nessuna delle sue tattiche risultò efficace contro Oryx e le sue schiere corrotte; Oryx invece si dedicò allo studio della geometria Vex con il fine di comprendere l’essenza dei suoi nemici. Il dio dell’Alveare realizzò che i Vex avevano i suoi stessi obiettivi: diventare la realtà stessa e controllare l’intero universo, sconfiggerli era assolutamente necessario e per fare questo bisognava distruggere Quria.
Sull’Astrocorazzata si consuma lo scontro finale, Oryx resistette alle simulazioni della mente. Quria prova a usare le tattiche religiose ma anche così il Re dei Corrotti è troppo forte, inoltre la mente sente che non avrà la forza di tenere aperti i portali ancora per molto.
La migliore simulazione di Oryx che Quria ha creato deriva da un presupposto ipotetico ed errato: Oryx è privo del suo verme, non ha le ali e non ha il suo potere, insomma non è Oryx. Tuttavia la mente decide di tentare comunque.
Il Re dei Corrotti affronta Quria che ha assunto la forma di idra e mentre si affrontano manifesta la simulazione agli occhi di Oryx che resta sbalordito, ma anche infuriato, quando rivede Aurash, ossia se stesso nel passato.
Oryx si inginocchia, abbassando la spada sulla spalla sinistra, e Quria lo attacca con ogni mezzo a sua disposizione senza riuscire a scalfirlo. Il Re dei Corrotti parla alla simulazione di Aurash mostrando come sia diventato potente e come sia diventato ciò che Aurash stesso un tempo sognava, un dio. Aurash chiede delle sue sorelle, Shivantu e Xi Ro, ma Oryx risponde solo con un ghigno sinistro. Quria spegne le armi, ha capito che ogni sforzo sarebbe vano, preferisce usare le sue ultime energia per mandare tutta la sua conoscenza ad altre menti Vex in modo che queste informazioni vengano un giorno sfruttate. Ormai è la fine, Quria vide il nero pugno di Oryx e poi null’altro se non migliaia di stelle.

oryx-taken-king-lore-worms

CONCLUSIONE

La vicenda di Quria è una delle parti più interessanti dei Libri del Dolore e il finale lascia aperta la possibilità che essa sia stati corrotta da Oryx, un giorno forse ci toccherà affrontare una potentissima mente vex corrotta?