Forza Motorsport 7Durante lo scorso E3 2017, una delle carte vincenti che Microsoft ha giocato per mostrare le capacità tecnica dell’imminente Xbox One X, è stato il nuovo capitolo dell’oramai celebre team di sviluppo Turn 10 Studios. Forza Motorsport 7 non ha avuto solo l’arduo compito di mostrare al mondo la potenza della nuova console della casa di Redmond ma si è trovato a dover dimostrare la sua supremazia come miglior esponente dei racing “Simcade” (termine coniato per indicare quei giochi che uniscono un’esperienza altamente simulativa ad una più arcade e quindi più rilassata e divertente), in un autunno fra i più ricchi per gli amanti delle quattro ruote. A pochi giorni dall’uscita dell’ottimo Project Cars 2, e a pochi settimane dall’arrivo di GT Sports, vediamo assieme se i Turn 10 Studios sono riusciti, ancora una volta, a salire sul podio dei vincitori con Forza Motorsport 7.

Era il tempo dei Miti e delle Leggende…

I primi minuti assieme a Forza Motorsport 7 riescono ad essere evocativi e maestosi allo stesso tempo. In sostituzione di un anonimo tutorial, atto a presentarci le basi del sistema di guida, impersoneremo alcuni dei più celebri esponenti della fittizia Forza’s Driver Cup, in una serie di mini gare che, oltre a mostrarci alcune delle novità inserite in questo settimo capitolo, genereranno i basilari dettagli del nostro Drivatar.

I ragazzi di Turn 10 Studios, grazie ad un comparto grafico eccezionale e all’ottimo taglio registico scelto per questa breve introduzione, riescono pienamente a immergere il giocatore nell’atmosfera giusta aumentando le, già ottime, aspettative nei confronti della campagna single player.

Vi avvertiamo fin da subito, Forza Motorsport 7 non è assolutamente un gioco brutto. La sua modalità single player è ottimamente realizzata, variegata e longeva, il parco macchine di dimensioni incredibili farà la gioia di tutti gli appassionati di quattro ruote, la difficoltà completamente personalizzabile lo renderà un gioco adatto a tutti… ma dopo un introduzione pregna di tale magnificenza ci aspettavamo qualcosa di diverso, non di migliore, pur rimanendo pienamente consci che si tratti di un Racing Game.

Forza Motorsport 7
La personalizzazione dei piloti, all’interno di Forza Motorsport 7, è davvero vastissima.

I sei campionati, che compongono la Forza Driver’s Cup, sono ben confezionati e ricolmi di attività variegate. Dalle classiche corse in pista, alle gare a bordo dei Truck, fino alle attività più assurde (che variano da sfide 1V1 con leggende iconiche del Rally, fino a deliranti partite di Bownling su strada firmate Top Gear) sarà davvero difficile annoiarsi nelle circa 60 ore di gioco che, la campagna single player, vi richiederà per essere completata al 100%.

Il problema risiede proprio in questa eccessiva diversificazione degli eventi che, se da un versante riesce ad inserire il giocatore in attività sempre differenti, dall’altro rende meno coesa la lunga traversata per diventare la futura leggenda della Forza Driver’s Cup.

Come dicevamo prima, siamo pienamente consapevoli che Forza Motorsport 7 è un gioco di guida e che quindi non potevamo aspettarci chissà quale comparto narrativo a sorreggere l’intera campagna single player, ma alcuni aspetti puramente simulativi e realistici, quali classificazioni, accordi con gli sponsor o contratti con le case automobilistiche, avrebbero reso più interessante il comparto per giocatore singolo differenziandolo dal sistema, oramai assodato, basato sull’arrivare primo e collezionare il maggior numero di autovetture possibili.
Per quanto riguarda le altre modalità al momento non possiamo esprimerci dettagliatamente in quanto la Lega, già presente nel precedente capitolo, risulta ancora “non disponibile” e verrà incrementata successivamente assieme alla casa d’aste, rendendo quindi l’attuale offerta Online piuttosto basilare. A concludere l’offerta proposta da Turn 10 Studios troviamo il canonico Forza Hub, che come d’abitudine ci terrà informati sulle novità  del mondo di gioco, e la possibilità di giocare in Split Screen (caratteristica sempre più rara nei giochi odierni).

Forza Motorsport 7
La gestione della telecamera, durante i Repay, vi permetterà di cogliere degli scorci davvero stupefacenti.

Che Outfit scelgo per questa sera?

Non sarebbe stato possibile rendere il punto focale di Forza Motorsport 7 la varietà, senza un adeguato parco macchine, ed è per questo che le oltre 700 vetture disponibili nel gioco saranno in grado di scatenare il più feroce istinto collezionistico, anche nei giocatori più posati.
L’intero catalogo di autovetture è suddiviso in tipologie di rarità, gareggiare costantemente farà salire il vostro rank, sbloccando nuove autovetture e incrementando il vostro livello di collezionista che, a sua volta, vi permetterà di accedere alle varie porzioni del catalogo per poter acquistare le categorie di macchine necessarie per poter gareggiare in determinate tipologie di competizioni. Dalle vetture elettriche di Formula E, alle auto d’epoca, passando per le Hot Hatch, fino a giungere ai Truck e gli ATV, in Forza Motorsposrt 7 avrete sicuramente la possibilità di trovare la tipologia di macchina giusta per voi.
Forza Motorsport 7Il sistema di livree personalizzabili, e la possibilità di scaricare le creazioni di altri utenti, vi permetterà inoltre di sbizzarrirvi oltre misura con il vostro personalissimo garage. Ineccepibili, come da tradizione, i modelli poligonali dei veicoli, sempre dettagliatissimi e ricreati nei minimi dettagli, ennesima dimostrazione dell’immenso amore provato dai ragazzi di Turn 10 verso il mondo automobilistico. Una volta su strada le autovetture sono, come da tradizione, fedeli e credibili, basate su un driving system a metà strada fra il simulativo e l’accessibile e che riesce costantemente a far trasparire la diversità fra le varie categorie di macchine. Se dovessimo muovere una critica all’immenso catalogo presentato in Forza Motorsport 7, lo dovremmo fare in merito ai Truck che, pur essendo una delle novità di questa settima iterazione, non riescono pienamente a godere dell’ottimo modello di guida del gioco, facendo sfociare, le competizioni dell’intera categoria, in una sfera più arcade e poco credibile.

Forza Motorsport 7
Avrete bisogno di un Garage decisamente più grande se vorrete collezionare tutte le vetture presenti nel gioco.

The Real Driving Simcade

La caratteristica principale, che ha reso negli anni la serie di Turn 10 Studios un punto di riferimento del genere automobilistico, è proprio l’ottimo modello di guida che, con qualche limatura addizionale, ritroviamo in tutto il suo splendore anche in Forza Motorsport 7.

Attenzione, non stiamo parlando di una serie che vuole porre l’estrema simulazione come caratteristica distintiva ma di un franchise che, negli anni, è riuscito a creare la giusta alchimia fra uno stile di guida rilassato di stampo “arcade” a uno più “realistico” pensato per i giocatori più esigenti e pretenziosi.

Le molteplici opzioni per tarare il livello di difficoltà, e l’inserimento del sistema Drivatar, vi permetteranno letteralmente di affrontare come meglio crederete qualsiasi tipo di competizione. Grazie alla totale libertà di scelta dei parametri inerenti: il controllo della Trazione, l’assistente alla frenata e allo sterzo, il sistema di ABS e la gestione della stabilità, potrete guidare in tutta tranquillità, pensando solo all’arrivare sul podio, o ritrovarvi a dosare correttamente il gas in curva dopo aver speso svariate ore in modalità “Gara Libera” per poter affinare la vostra conoscenza del tracciato e di come si comporterà il vostro veicolo.
Forza Motorsport 7 Il fattore veramente positivo di questo sistema altamente personalizzabile è che, oltre a rendere il gioco accessible anche a chi non è rodato nei driving game, la possibilità di incrementare lievemente la difficoltà senza precludere nessun elemento del titolo, porterà anche i giocatori meno esperti e più determinati ad arrivare a padroneggiare, passo dopo passo, completamente l’ottimo driving system di Forza Motorsport 7.
Ad aiutare, in termini di incremento graduale della difficoltà di gioco, arrivano le MOD, vera novità di questo settimo capitolo del Simcade made in Turn 10. Si tratta di piccole modifiche, sotto forma di carte sbloccabili tramite delle casse premio, che aggiungono delle sfide extra durante le vostre gare. Grazie alle MOD potrete, ad esempio, eliminare alcuni aiuti alla guida o dover eseguire dei sorpassi perfetti durante una competizione e il conseguimento di questi obbiettivi vi garantirà ricompense extra da spendere nell’immenso catalogo di autovetture di cui vi parlavamo prima. Se la virata maggiormente arcade, e semplicistica, del titolo diventasse un deterrente a proseguire nella vostra scalata al successo, e le vostre doti di guida non vi permettessero un incremento sostanziale della difficoltà, le MOD e le loro ricompense potrebbero essere un ottimo inizio per iniziare a migliorare il vostro personalissimo stile di gioco all’interno di Forza Motorsport 7.

Forza Motorsport 7
I Drivatar di Forza Motorsport 7 si riveleranno, nuovamente, fin troppo realistici.

Un discorso diverso si deve fare in merito al sistema Drivatar. Se è pur vero che il rivoluzionario sistema di avatar online, inserito con il quinto capitolo della serie, riesce a rendere l’esperienza di gara più realistica e completamente differente da quanto presente sul mercato, le troppe similitudini con le controparti reali porta anche in questa settima iterazione un problema oramai noto e abbastanza tedioso. Il comportamento su pista dei Drivatar avversari (che ricordiamo sono una trasposizione virtuale di giocatori in carne e ossa atta a riproporre il loro modello di guida durante le nostre gare) risulta ancora troppo aggressivo, specialmente quando la difficoltà non è settata troppo verso la simulazione, rendendo la maggior parte delle competizioni aggressive e ancora basate su costanti “sportellate” per farsi largo fra avversari poco corretti o disinteressati alle traiettorie di curva dei concorrenti.

Se i Drivatar, quindi, continuano a stupire per l’elevata fedeltà di riproposizione dello stile di guida dei giocatori… sarà proprio quest’ultima che rischierà di rendere molto più arcade e caotiche alcune delle vostre gare.

Forza Motorsport 7In conclusione vorremo spendere qualche riga in merito alle limature, di stampo più tecnico, attuate al già ottimo driving system. Purtroppo la maggior parte di questi accorgimenti saranno percepibili maggiormente dai giocatori di stampo più simulativo e utilizzando un volante come periferica di gioco, ma notare che le modifiche fatte all’impianto del gioco non si limitano a delle semplici aggiunte contenutistiche, mostrando un costante affinamento del modello di guida, non può che far piacere. Il peso delle vetture e lo spostamento del carico sono percettibili e differenziati, utilizzare il controsterzo o derapare aggressivamente restituisce una risposta più reale, specialmente a difficoltà elevate, rendendo minore l’abuso di tali tecniche se non si conosce a fondo il proprio veicolo. L’aderenza alle differenze tipologie di asfalto, in relazione alle condizioni atmosferiche variabili, è decisamente migliorata risultando più naturale e simulativa, specialmente in condizioni in cui dovremmo guidare su di un terreno bagnato. Dispiace, però, vedere che le macchine da Rally non hanno ancora una risposta alle derapate perfettamente all’altezza delle aspettative, che i Truck (nuova categoria di questo capitolo) sembrino ancora abbozzati, non restituendo la giusta sensazione di pesantezza e che gli ATV abbiano un modello di guida che abbraccia troppo la serie Forza Horizon. In particolare queste ultime due tipologie di veicoli, come detto anche precedentemente, sembrano un divertissement atto a variare l’esperienza di gioco, rispetto ad una reale novità in termini di gameplay. Resta indubbio, comunque, che non bastano queste piccole sbavature ad affossare il mastodontico lavoro di Turn 10 Studios.

Forza Motorsport 7
Mi raccomando… gareggiate correttamente e non spingete!

Previste forti piogge su tutto il litorale!

Come dicevamo in apertura, Forza Motorsport 7 si è presentato alla conferenza Microsoft, allo scorso E3 2017, sfoggiando una risoluzione a 4K nativi e 60 fps granitici. Ogni nostro dubbio che tanta magnificenza potesse arrivare castrata su Xbox One Standard, però, è stato immediatamente dissipato nelle svariate ore spese a stendere questa recensione. Su Xbox One il titolo si muove a 1080p mantenendo solidissimi i 60fps in qualsiasi circostanza, garantendo l’ottimo lavoro di ottimizzazione e la malleabilità dell’engine utilizzato da Turn 10. Anche se dei 32 tracciati presenti nel gioco quasi tutti sono stati ripresi e rimodellati dai precedenti capitoli, l’impatto visivo è davvero impressionante.
Forza Motorsport 7L’ottima gestione dell’illuminazione riesce a rendere sempre vivi e vibranti dei circuiti che, in termini puramente paesaggistici, sarebbero lievemente inferiori a quanto visto nel sesto capitolo, proprio a causa del semplice restyle grafico fatto per l’occasione (e che supponiamo sia stato eseguito per non appesantire troppo l’engine del gioco, garantendo le prestazioni tecniche impressionanti mostrate su Xbox One X). Una menzione d’onore va fatta per la mappa ambientata a Dubai, l’unica inedita di questo seguito e che mostra perfettamente l’evoluzione grafica ottenuta dai ragazzi di Turn 10 Studios, definendo una direzione ben precisa per i futuri capitoli e per quello che ci aspetterà. Il meteo dinamico è stata un’aggiunta davvero apprezzata, in grado di restituire una sensazione di realismo maggiore durante le gare e, fondendosi magistralmente all’ottimo comparto luci, riuscire a generare un costante susseguirsi di paesaggi evocativi in grado di distrarvi durante le vostre sessioni di guida. Piccola nota negativa va mossa all’assenza di un doppiaggio in Italiano e alla presenza di sottotitoli con un timing non sempre preciso e un formato che non ne favorisce una lettura agevole. Un ulteriore conferma della scelta, già vista con Forza Horizon 3, di non proseguire con una localizzazione integrale della serie.

Forza Motorsport 7

PRO CONTRO
  • Campagna longeva e ricchissima di contenuti…
  • Motore grafico impressionante e magistralmente ottimizzato.
  • Rimane il miglior Simcade in commercio.
  • Parco auto enrome e ricchissimo di personalizzazioni.
  • …anche se una virata maggiormente
    simulativa avrebbe giovato in termini di novità.
  • Alcune categorie di veicoli
    sembrano aggiunte solo per aumentare l’offerta e con una cura
    al dettaglio inferiore.
  • E’ necessario lo sblocco delle attività “In Arrivo” in tempi brevi per
    completare l’offerta
Conclusione
Voto
9
CONDIVIDI
Articolo precedentePlaystation VR, annunciato nuovo modello in uscita in Giappone
Prossimo articoloGli indie di Mixed Bag alla Milan Games Week 2017