Nell’industria del gaming, sopratutto quando si parla di accessori, uno dei marchi sulla bocca di tutti è sicuramente Turtle Beach. Ditta veterana che ha supportato le nostre sessioni di gioco online con un’enorme quantità di prodotti già durante la scorsa generazione. Con l’arrivo di Xbox One, la fortunata ditta ha stretto una forte partnership con la console Microsoft che prevede la presenza e relativa sponsorizzazione dei prodotti Turtle Beach all’interno delle varie fiere ed eventi a tema videoludico.
Durante il corso del 2015, in occasione dell’E3, la ditta ha annunciato e successivamente introdotto in commercio, una nuova cuffia wireless per la gamma Stealth, ovvero la 420X di cui abbiamo parlato con una recensione approfondita. Tra i vari prodotti, abbiamo avuto anche la possibilità di recensire le 800X, le Recon 60P, che vi alleghiamo per vostra comodità.turtle-beach-px24

Oggi invece, parleremo anche di un prodotto abbastanza nuovo e curioso, comprendente la tecnologia SuperHuman Hearing, che a detta della ditta, permette di mettere in evidenza tutti i suoni cruciali nel gaming come i passi del nemico.
Stiamo parlando della cuffia PX24, messa in commercio a 99€ e provvista di un interessante amplificatore. Riuscirà la cuffia a soddisfare le aspettative?


SPECIFICHE E GALLERIA

Purtroppo la ditta non fornisce specifiche dettagliate sul prodotto, se non un piccolo accenno sulle varie caratteristiche che riportiamo tradotte in italiano qui sotto.

  • SuperHuman Hearing – La tecnologia Turtle Beach che permette di amplificare i suoni più importanti durante le nostre partite come i passi del nemico o un arma che ricarica.
  • Virtual Surrond Sound – La cuffia è dotata di sorround virtuale per garantire un’esperienza migliore in giochi, film, musica e tanto altro!
  • Mic Monitoring variabile – Tramite l’EarForce SuperAMP è possibile regolare il Mic Monitoring, ovvero la nostra voce riprodotta all’interno della cuffia, utile al fine di non farci gridare!

La cuffia senza amplificatore è passiva e può essere collegata a qualsiasi dispositivo munito di jack, si evidenzia un padiglione da 50mm in neodimio con dei cuscinetti in spugna non proprio insonorizzati e di discreta qualità, mentre il jack della cuffia stessa è placcato in oro. In dotazione, probabilmente il pezzo più interessante, è il SuperAMP un amplificatore che permette di gestire vari volumi e di amplificare la nostra cuffia aumentandone i vari volumi tra alti e bassi, Surround, Super Human Hearing e Mic Monitoring.
Il SuperAMP è dotato di una batteria ricaricabile (non sostituita) con automia di 30 ore.
Come si evidenzia dalle immagini qui sotto, il SuperAMP ha vari controlli per i volumi e tasti rapidi illuminati per controllare il microfono e attivare/disattivare il SuperHuman Hearing.

Il contenuto della confezione comprende:

  • Cuffia PX24
  • Turtle Beach SuperAMP 
  • Cavo Micro USB da (0,6 m)
  • Manuale

Per quanto riguarda la compatibilità, le cuffie sono supportate da Xbox One (Con jack da 3.5), PlayStation 4, PC e Mobile Gaming in generale.

Di seguito invece riportiamo una galleria fotografica per la PX24:


LA PROVA SU STRADA

Abbiamo dunque messo alla prova le PX24 sotto vari aspetti, testando la cuffia su varie piattaforme valutandone la resa. Mentre le nostre aspettative erano alte, ci siamo ritrovati abbastanza sconfortati dalla nostra prova con la cuffia.
Abbiamo giocato principalmente su Halo 5: Guardians, sparatutto in prima persona fiore all’occhiello della console Microsoft Xbox One, rimanendo confusi da un suono molto piatto. Stiamo parlando di alti fin troppo pronunciati e bassi non troppo presenti. Durante questa prima prova stavamo giocando collegando direttamente la cuffia al pad e ricevendo il suono diretto in stereo. Decidiamo quindi di provare il SuperAMP che dovrebbe essere uno dei motivi di vanto di questa cuffia.
La prima impressione è più che ottima, i suoni ambientali vengono riprodotti in maniera fantastica con un surround decisamente niente male. Qualcosa tuttavia stona ancora, ma per provarlo si entra in azione cominciando un po’ di combattimento.H5-Guardians-Enemy-Lines-Wraith-Engagement-03-1280x720
Ancora una volta l’audio delle cuffie predilige degli alti, mentre i vari suoni sono ben distinti e marcati i bassi sono ancora poco pronunciati e nonostante le varie regolazioni fatte sul nostro SuperAMP nella speranza di aumentarne l’efficacia, rimaniamo un po’ amareggiati da un sonoro buono ma carente in quello che spesso è una caratteristica molto cercata dai giocatori degli sparatutto.

Si passa infine ad una prova del SuperHuman Hearing, feature su cui tanto sta investendo Turtle Beach. Premuto l’apposito tasto sul SuperAMP, il suono prende vita cambiando completamente modulazione. I suoni ambientali, i passi dei nemici, gli spari in lontananza ci avvolgono e ci immergono nel gioco con una buona fedeltà. Tuttavia, la situazione con i bassi non migliora affatto, anzi sembrano quasi spariti, lasciandoci piuttosto sconfortati.

Benché la nostra opinione sopra possa sembrare altalenante, le cuffie sono comunque ottime, comode e ben costruite. I cuscinetti dei padiglioni sono molto leggeri ma non offrono insonorizzazione, cosa che può essere apprezzata o meno. Le cuffie sono leggere e stanno comode in testa senza pesare anche dopo parecchie ore. I materiali non fanno pensare assolutamente ad una cuffia “cheap” e inoltre, la compatibilità con i vari dispositivi è un plus da non sottovalutare.

Per quanto riguarda appunto gli altri dispositivi, l’ascolto musica via smartphone è buono mentre il gaming su PC ha bisogno di qualche piccolo adattamento da parte dell’utente visto che in dotazione non è presente alcun cavo USB per collegare la cuffia al PC o di un doppio jack Cuffia/microfono, dunque dovremo andar a comprare vari adattatori che fortunatamente si trovano con molta semplicità con un costo davvero minimo.


CONCLUSIONE

Tirando le somme sulla PX24, ci troviamo con uno dei prodotti più difficili da recensire per noi. Non è stato semplice ma considerandola sotto più aspetti si evidenzia un headset discreto, dal costo elevato per le prestazioni fornite ma con un sacco di buoni propositi che se costruiti in maniera migliore avrebbero potuto creare un’ottima cuffia da un qualità/prezzo fantastico.
Purtroppo le PX24 non sono nulla di tutto questo a causa del loro profondo problema di rendimento dei bassi con una modulazione audio altalenante. Spiegando meglio ciò che vogliamo dire è che la distinzione dei suoni così come la resa del surround sono davvero ottimi, mentre però i bassi vengono profondamente eclissati da tutto il resto sopratutto quando viene usato il SuperHuman Hearing.px24

Abbiamo di fronte un buon prodotto da gioco, con tutte le carte in regola per farsi amare, ma dalla qualità audio generale abbastanza deludente. Tuttavia si evidenzia una qualità costruttiva ottima, il buon SuperAMP è comunque un extra fantastico che riesce a mantenere la promessa delle 30 ore di autonomia e le varie regolazioni sono davvero interessanti. La compatibilità completa con tutti i dispositivi è un fantastico extra, anche se su desktop pc diventa tutto un pelino più macchinoso visto che si deve adattare il microfono.

PRO CONTRO
  • Il SuperAMP è fantastico
  • Suono dettagliato
  • Il SuperHuman Hearing è un ottimo alleato negli FPS
  • Varietà di comandi e regolazioni sul SuperAMP facili da raggiungere
  • I bassi sono estremamente deludenti
  • Senza AMP il suono è molto piatto e confuso
  • Con il SuperHuman Hearing si evidenzia un po’ di fruscio
  • Troppi alti, decisamente troppi.
  • Contenuto della confezione migliorabile
Conclusione
Turtle Beach PX24
7
CONDIVIDI
Articolo precedenteStar Wars Battlefront: realtà virtuale PlayStation VR
Prossimo articoloIn arrivo due nuovi controller per Xbox One
Geek a tempo pieno. Adoro le community e cerco di fare la mia parte nel rendere il settore dei videogiochi un po' più unito. Scrivo di giochi e tecnologia, nel tempo libero mi trovate sulla torre di Destiny o nel campo da battaglia su Halo!