Overwatch ha recentemente compiuto un anno. A pochi mesi dall’anniversario del lancio, dunque, non c’è momento migliore per guardare al passato e vedere come il titolo sia cambiato dai giorni della open Beta.
Le varie modifiche al titolo hanno continuato a susseguirsi anche dopo il rilascio, avvenuto il 24 maggio dell’anno scorso, contribuendo all’espansione della community e rendendo la scena competitiva sempre più salutare.

L’open beta per Overwatch è stata annunciata il 7 marzo 2016 da Jeff Kaplan, game director del titolo ed ex quest designer per World of Warcraft, con data di inizio 7 maggio dello stesso anno e durata di due giorni . C’era molta attesa per la beta e, una volta aperte le porte, 9.7 milioni di utenti sono stati attratti dal titolo dimostrando il grande potenziale del nuovo gioco Blizzard.

Gli sviluppatori hanno apportato poche modifiche dall’open beta fino ai primi mesi dopo il rilascio di Overwatch, il quale ha mantenuto una sorta di stato di sviluppo. A dimostrazione di ciò, il titolo è stato rilasciato con solo qualche modalità di gioco al di fuori della modalità Partita Rapida. La modalitá competitiva, centro di gravità del gioco, non era ancora stata rilasciata e questo ha lasciato i giocatori con la semplice alternanza tra la modalità Rapida e la Rissa settimanale, una modalità di gioco sulla falsa riga di Hearthstone che ha presentato ogni settimana modifiche diverse agli eroi e alle loro abilità.

La prima grande novità introdotta, dunque, è stata la tanto attesa modalità competitiva. Introdotta insieme al server di testing pubblico il 21 Giugno 2016. La ricezione da parte della community è stata positiva ma con qualche riserva.
La modalità competitiva presentava il bisogno di qualche miglioramento in quanto fino ad allora non era stato ancora introdotto il limite di una selezione per eroe in nessuna modalità. Questa mancanza è stata molto sofferta in termini competitivi poichè ha dato ai giocatori la sensazione di giocare partite un po’ troppo “a caso” e dava spazio a strategie che rendevano i match poco divertenti. Il sistema di ranking, inoltre, era ben diverso da quello attuale, partendo da 1 per arrivare a 100 anche se l’algoritmo di valutazione tendeva a mantenere i giocatori tra l’80 ed il 35. La community, dunque, ha fatto sentire la propria voce, chiedendo che Blizzard effettuasse un redesign sul sistema in quanto poco divertente e ancora meno soddisfacente.

Da qui in poi le novitá introdotte da Blizzard non hanno fatto che aumentare e lo si vede con l’introduzione di un nuovo eroe dopo nemmeno un mese dall’inizio della stagione competitiva. Il 19 giugno 2016, dopo una settimana sul server di testing, Ana è stata introdotta al pubblico: un eroe unico che ha come concept di base l’idea di un cecchino capace di curare, qualcosa di innovativo rispetto all’idea classica del tiratore scelto. Il nuovo eroe è stato accolto molto positivamente e dei messagggi criptati nei video presentazione di Ana hanno già fatto scattare la caccia al prossimo eroe, tutto ciò porterà al famoso ARG su Sombra. Nello stesso giorno in cui è stata introdotta Ana, inoltre, il team ha anche inserito il limite di una selezione per eroe che veniva richiesta per la modalità competitiva. Questa aggiunta ha permesso la nascita di un vero e proprio meta all’interno del quale, almeno inizialmente, Ana non ha trovato molto spazio.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=ZcCGKrYgr0k]

Dopo poco meno di due settimane, il 2 agosto scorso, è stato annunciato l’evento dei giochi estivi, in onore delle olimpiadi a Rio. L’evento, della durata di 20 giorni, ha portato con sè una nuova modalità di gioco, chiamata Lucioball, insieme ad una trentina di nuovi contenuti cosmetici tra cui skin, emotes e introduzioni agli highlight. La boccata d’aria fresca rappresentata dal nuovo evento ha portato con sè nuove richieste da parte della community,questa volta a riguardo delle skin, le quali non potevano essere acquistate tramite le monete del gioco.

Il 18 agosto si è conclusa la prima stagione competitiva. Con essa, qualche giorno dopo, anche l’evento volge al termine ma, all’inizio di settembre, si riparte subito con la seconda stagione. Con la nuova stagione sono stati introdotti molti cambiamenti che ci accompagneranno fino ad oggi tra cui il sistema di ranking attuale. Il nuovo sistema assegna ai giocatori un punteggio da 1 a 5000, più ampio rispetto a quello precedente, diviso in 7 ranghi diversi. Oltre al redesign del sistema di ranking, la Blizzard ha modificato anche il funzionamento dei match competitivi, sostituendo il vecchio “Sudden death” con la possibilità di pareggiare e modificando il sistema di cronometraggio, dividendo il tempo a disposizione tra i vari checkpoint che possono essere raggiunti su ogni mappa.
Lo stesso giorno viene anche introdotta una nuova mappa chiamata Eichenwalde, facendo così crescere il totale di mappe disponibili per le varie modalità di gioco.

Immagine correlata

Il secondo evento, a tema Halloween, inserito l’11 ottobre, ha introdotto una modalità completamente nuova chiamata La Vendetta di Junkenstein. Essa è stata la prima modalità in stile PvE del gioco. Il team di sviluppo ha inoltre ascoltato le richieste dei giocatori permettendo l’acquisto delle skin con le monete. 
Il Blizzcon
ha susseguito l’evento, il quale è terminato il primo novembre. La fiera completamente a tema Blizzard è stata l’occasione per presentare il nuovo eroe, Sombra, tramite un corto animato. Il nuovo eroe estende il numero di eroi disponibili a 23 e aggiunge nuove meccaniche come l’invisibilità ed il poter disabilitare gli avversari, impedendo loro di utilizzare le proprie abilità.
Approfittando dell’inserimento di Sombra, il team ha anche aggiunto, nello stesso giorno,la nuova sezione arcade, in cui vengono introdotte 4 nuove modalità e tra di esse nasce la modalità deathmatch in 3 contro 3 sulla nuova mappa Ecopoint: una mappa fatta appositamente per lo scopo del 3v3 e dunque non destinata alle modalità standard quali competitiva e rapida.
Overwatch, a questo punto, ha quasi raggiunto lo stato in cui è ora, in cui sono presenti più modalità a disposizione dei giocatori e ha ingrandito anche la selezione di mappe.

Nel frattempo, con la conclusione della seconda stagione competitiva, il team di sviluppo ne approfitta per apportare un vero e proprio redesign ad uno degli eroi meno utilizzati del gioco: Symmetra. Secondo le analisi degli sviluppatori, infatti, pochissimi giocatori utilizzavano Symmetra nella modalità competitiva e questo ha quindi portato il team alla decisione di revisionarla. Dopo le modifiche, Symmetra è diventata il primo eroe di Overwatch con la possibilità di avere due ultimate a disposizione, potendo scegliere tra un generatore di scudi ed un teletrasporto.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=elN-QGyToxM]

La terza stagione competitiva viene fatta partire il 30 novembre e dall’inizio di questa stagione il cosiddetto “meta” incomincia a prendere forma. I migliori player capiscono come far funzionare bene Ana, la quale offre il massimo del proprio potenziale in un team con molti tank. A causa della grande forza di questo eroe viene introdotta una modifica alla sua ultimate, che elimina il potenziamento in velocità fornito. Questa modifica, però, non basta a cambiare il meta. Per l’intera stagione 3, dunque, si è vista la prevalenza di team con 3 tank come fulcro della composizione. La community, stanca di questa perenne presenza di tank, ha dunque chiesto a gran voce che fosse fatto qualcosa a riguardo in quanto i match spesso risultavano noiosi o lenti.

Proseguendo con la stagione competitiva, all’arrivo delle vacanze di Natale e capodanno, Blizzard ha rilasciato due eventi in rapida successione. Il primo di questi è stato, ovviamente, l’evento di Natale, il quale ha portato una nuova modalità e altre decine di contenuti cosmetici. Parallelamente a tutto questo si testavano sul ptr possibili modifiche ad alcuni eroi, per portersoddisfare la community.
Le novità più importanti, però, sono state introdotte dall’evento seguente.
Il 24 gennaio dell’anno corrente, infatti, Blizzard ha lanciato l’evento chiamato “Anno del Gallo” per festeggiare il capodanno lunare, cioè il capodanno secondo il calendario cinese. Oltre alle consuete skin ed emote varie, con questo evento è stata inserita la nuova modalità “Cattura la bandiera”, un classico per ogni fps nello stile di Overwatch. Questa modalità era molto attesa sia dalla community che dagli sviluppatori,i quali sono stati felici di inserirla.
Il team ha anche approfittato di questo evento per poter introdurre le tanto attese modifiche ad Ana e altre modifiche minori ad eroi come Dva e Zenyatta.

Con questi molteplici cambiamenti, specialmente sul lato dei personaggi di supporto, la fine della terza stagione e gran parte della quarta, iniziata il primo marzo,sono servite per riassestare la scena competitiva e capire quali sarebbero state le formazioni più forti e quali fossero le nuove interazioni.
A scuotere l’equilibrio ancora di più, a fine marzo, la Blizzard ha aggiunto l’eroe numero 24 che, a differenza di tutte le previsioni, non era il famigerato Doomfist ma un nuovo tank chiamato Orisa.
Il nuovo eroe non solo era il primo quadrupede, ma era anche molto particolare, in quanto è una sorta di ibrido tra più personaggi.

Tutte queste modifiche e novità del periodo tra febbraio e marzo ci portano agli ultimi due eventi, recentemente avvenuti: Rivolta e l’evento Anniversario.
Il primo evento ha portato come nuovo cambiamento, oltre ad un’altra modalità PvE,delle importanti modifiche a Lucio, il quale è stato il secondo eroe, dopo Symmetra, a ricevere un redesign alle proprie abilità. Questi cambiamenti lo hanno reso più mobile ed hanno permesso che diventasse un eroe più divertente da giocare, cosa di cui la community a volte si lamentava.

Dunque tra novità e modifiche, si arriva ai giorni nostri, ad un mese dall’inizio della nuova season competitiva, la quale , fino ad ora, mostra di essere ben bilanciata e di avere una grande selezione per quanto riguarda le scelte di formazione dei team. L’introduzione di Doomfist, peró, potrebbe dare una forte scossa a questo meta e darci una rinfrescata.

Voi cosa vi aspettate dall’anno due di Overwatch? Quali nuove meccaniche vorreste introdotte? Fatecelo sapere qui sotto nei commenti, non vediamo l’ora di sapere la vostra!