Quando si parla di periferiche PC, Razer è una delle marche più prestigiose e più ambite dai giocatori e i motivi sono ben chiari ogni volta che si mette le mani su uno dei loro prodotti.

Veterana nella produzione di periferiche da gaming, Razer continua il suo impegno nell’ampliare la propria gamma di prodotti e di migliorare, volta per volta, quelli già presenti in commercio, come nel caso della nostra protagonista, la Blackwidow Chroma V2. La ditta, al fine di adeguare i propri prodotti alle esigenze della propria community, ha addirittura creato una serie di switch meccanici esclusivi.

Parlando quindi di tastiere, abbiamo recentemente avuto la possibilità di provare con mano la nuova Blackwidow Chroma, una vera e propria revisione della V1 con una serie di migliorie basate sul feedback degli utenti.

Se in passato la tastiera aveva già ottenuto svariati pareri positivi, la V2 dimostra soltanto che migliorare un prodotto già ottimo è ben possibile soprattutto se si ascolta con cura i propri clienti. Nel corso di questa recensione, come di consueto, analizzeremo nel dettaglio la Razer Blackwidow Chroma V2 tramite una galleria fotografica, passeremo quindi a dare uno sguardo alle specifiche tecniche, analizzeremo le potenzialità offerte dall’illuminazione Chroma e, dopo aver speso due righe sulla nostra esperienza complessiva, concluderemo con un verdetto finale sul prodotto.


Galleria fotografica


Specifiche tecniche

Oltre all’illuminazione completa e indipendente di ogni singolo tasto di cui vi parliamo nel paragrafo successivo dedicato alle funzioni Chroma, la Blackwidow V2 è costruita a regola d’arte per il gamer più esigente. Come già accennato, gli switch meccanici verdi imprimono una forza di 50 grammi per garantire un ottimo feedback ad ogni pressione e un ottimo tempo di ritorno del tasto per essere subito pronti alla pressione successiva. Gli switch meccanici verdi sono caratterizzati da una breve “zona morta” accompagnata poi da un chiaro “click” sonoro che aziona il tasto. In termini di rumorosità, siamo vicini agli switch Cherry MX Blue ma con un click più delicato e un feel , inutile dire che la selezione degli switch è la parte più importante e per darvi un’idea chiara vi lasciamo il video qui sotto.

Passando in rassegna le varie caratteristiche della tastiera:

  • Tasti resistenti a oltre 80 Milioni di battiture.
  • Powered By Razer Chroma, la retroilluminazione completa a 16.8 milioni di colori che permette una personalizzazione completa degli effetti di luce della tastiera.
  • Ultimate Gaming Confort – La tastiera è dotata di un comodo cuscinetto poggia polsi che si aggancia magneticamente alla tastiera. L’ideale per lunghe sessioni di gaming o di scrittura.
  • 5 Macro Key completamente programmabili.
  • Audio e USB pass-through.

Inutile sottolineare che si tratta come al solito di un prodotto premium per chi non accetta compromessi, la scocca in plastica è accompagnata dal cuscinetto poggia polsi in pelle sintetica per evitare fastidiosi aloni dovuti all’usura.

Per altre informazioni si rimanda al sito Razer dedicato.


Illuminazione Chroma

Il fiore all’occhiello della tastiera è tutto il pacchetto Chroma, che garantisce una totale personalizzazione dell’illuminazione dei tasti. Grazie a Chroma, ogni singolo tasto è mappabile con un effetto di luce tutto suo, è possibile creare complessissimi effetti e script per ottenere risultati sbalorditivi.

L’utente sarà libero di sperimentare tra infinite combinazioni per creare sgargianti effetti di luce o trovare il look minimale perfetto in perfetta armonia con la propria postazione da gioco.

Razer Chroma ha un intero SDK dedicato allo sviluppo di applicazioni e profili per rivoluzionare totalmente il concetto di retroilluminazione della tastiera. Infatti, la tastiera è capace di adattarsi al suo ambiente circostante o all’attività che stiamo svolgendo.

Per rendere un po’ meglio l’idea, immaginate di star giocando a vostro gioco preferito e di vedere i vari tasti legati alle abilità del vostro personaggio illuminarsi ogni qual volta l’abilità è disponibile. Grazie al Chroma Workshop è infatti possibile scaricare tantissime applicazioni da installare sulla tastiera per poterla preparare al meglio alle nostre sessioni di gioco. Prendete Overwatch per esempio, ogni personaggio selezionato avrà un suo colore nella tastiera, una serie di tasti collegati in tempo reale al gioco e degli effetti di luce a seconda quello che stiamo facendo mentre giochiamo.

Ma non finisce qui, Razer Workshop ha complessissimi profili di illuminazione creati dagli utenti per effetti di luce sbalorditivi, interi script o applicazioni da poter eseguire sulla propria tastiera, visualizzatori audio che sincronizzano la tastiera con la musica che stiamo ascoltando o persino interi minigiochi da giocare con i led della propria tastiera.

Se siete dei veri maniaci della personalizzazione avrete pane per i vostri denti, la tecnologia Chroma è forse una delle più supportate sul mercato e Razer continua a fornire alla community tutti i tool necessari per poter ampliare ancora di più il pacchetto di servizi offerti.

Abbiamo passato ore ed ore a sbizzarrirci con gli effetti di luce disponibili con la Blackwidow V2 e ne siamo rimasti più che entusiasti, la capacità di integrarsi con le nostre applicazioni o semplicemente di poter creare complessissimi effetti luce basati su più livelli la rende la tastiera perfetta quando si parla di personalizzazione. Il tutto è racchiuso in un software semplice ed intuitivo adatto a tutti. Con un paio di click si raggiunge l’effetto desiderato, se non è abbastanza, si accede al Workshop e si da il via ad una coloratissima ricerca del profilo adatto alle nostre esigenze tra migliaia e migliaia di risultati.

Nonostante le altre periferiche nel mercato siano di tutto rispetto, l’illuminazione Chroma e tutto l’ecosistema creato da Razer è assolutamente uno dei motivi di vanto dell’azienda, ed è ben chiaro il perché.


Prestazioni e Confort

Nella vita di un redattore di un sito di videogiochi, la tastiera è forse lo strumento più importante. Non solo ti permette di vivere vasti mondi digitali, giocando e interagendo con l’universo di gioco, ma ti permette di raccontarli battitura dopo battitura. Il cuscinetto poggia polsi in dotazione è forse una delle cose migliori che poteva ideare una ditta come Razer, tanto da farci porre la domanda sul perché non sia uno standard. Ovvio che si tratti di gusti del tutto personali, ma una volta agganciato magneticamente alla tastiera, i nostri polsi trovano riposo nel comodo cuscinetto, rendendo le sessioni sia di gioco che di scrittura ancora più confortevoli e meno stressanti andando per le lunghe.

Nel gaming la tastiera si presenta nel migliore dei modi e da il meglio di se. Ogni tasto ha un ottimo ritorno, ogni click fornisce un chiaro feedback alle dita del giocatore e l’esecuzione dei comandi è, indubbiamente, istantanea. I 5 tasti Macro sono un’ottima aggiunta, indispensabili nel mondo PC indipendentemente dal tipo di gioco scelto. Un’immancabile aggiunta rispetto al modello precedente che invece non disponeva di alcun tasto extra, motivo di tante lamentele riguardo al prodotto.

Abbiamo passato svariate ore consecutive in sessioni di gaming, passando da gioco in gioco la tastiera è risultata comoda e versatile, lo spacing tra i tasti ottimo e l’integrazione con Razer Synapse ha sempre soddisfatto ogni nostro piccolo capriccio.

Da segnalare tuttavia l’assenza di tasti multimediali, come si evidenzia anche nella galleria fotografica.


Conclusioni

Si potrebbero passare intere giornate a smanettare con Razer Synapse al fine di trovare la propria configurazione Chroma preferita o esplorare il Chroma Workshop e scoprire un’intera community dedicata alla creazione di configurazioni a regola d’arte. La qualità della retroilluminazione e tutti i relativi effetti sono tra i migliori su cui abbiamo mai posato gli occhi. La verità è che siamo di fronte a un prodotto eccellente sotto tutti i punti di vista senza troppo da segnalare. La tastiera è estremamente comoda e adatta a moltissime situazioni, il design riprende le linee del suo predecessore e i materiali costruttivi sono più che ottimi, a patto appunto che non si stia cercando una tastiera in metallo (Vedi BlackWidow X).

Non sono realmente moltissime le migliorie introdotte nella V2, ma per una manciata di euro in più la revisione della Blackwidow ha sicuramente qualche asso nella manica che può farvi apprezzare ancora di più il prodotto. La tastiera è disponibile in tre varianti di switch differenti, dando massima libertà di scelta all’utente finale che potrà così selezionare il modello più adatto alle proprie esigenze.

La Blackwidow Chroma V2 è disponibile al prezzo consigliato di 189.99€, una bella spesa che potrebbe scoraggiare l’acquisto o far valutare tante altre alternative. Di certo, messi di fronte al prodotto, è davvero difficile rimanerne delusi.

Alternativamente, è possibile acquistare il modello precedente per qualcosina in meno.

PRO CONTRO
  • Qualità Retroilluminazione
  • Personalizzazione Completa
  • Razer Workshop
  • Integrazione con i giochi e applicazioni
  • Cuscinetto poggia polsi in dotazione
  • Razer Synapse
  • Prezzo non proprio competitivo
Conclusione
Voto
9
CONDIVIDI
Articolo precedenteDestiny 2: Come funziona il trasferimento dei personaggi
Prossimo articoloSecondo Pachter Xbox One X venderà più di PlayStation 4 Pro
Geek a tempo pieno. Adoro le community e cerco di fare la mia parte nel rendere il settore dei videogiochi un po' più unito. Scrivo di giochi e tecnologia, nel tempo libero mi trovate sulla torre di Destiny o nel campo da battaglia su Halo!