Il visore Hololens per la realtà aumentata sarà disponibile a partire dal prossimo dicembre in 29 ulteriori paesi, e tra questi figura l’Italia. L’annuncio arriva direttamente dal centro ExCeL di Londra in occasione della conferenza Future Decoded, un evento ideato per presentare e discutere le ultime novità nel campo della ricerca informatica.

Attualmente il visore è disponibile solo in 10 paesi: Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Irlanda, Germania, Nuova Zelanda, Francia, Giappone, Cina e Australia. La commercializzazione della periferica ha permesso ad aziende e compagnie di ottenere un potente strumento con cui sviluppare tecnologie e software innovativi. Il costo attuale del kit si attesta a circa 3000$ nel caso della Development Edition, 5000$ per la Commercial Suite. A partire dal prossimo 1 dicembre sarà possibile acquistarne una delle due edizioni anche in Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Grecia, Ungheria, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Turchia.

L’estensione del mercato non può che favorire la ricerca e lo sviluppo di tecnologie avanzate nell’ambito della realtà mista – o aumentata che dir si voglia. Ovviamente questi prezzi sono proibitivi per un utente medio. L’obiettivo di Microsoft è chiaro e non sembra ci siano piani immediati per la creazione di una versione commercializzabile. Figuratevi che chi compra una delle due edizioni di Hololens accetta un contratto per non rivendere la periferica. Insomma: Hololens è ancora lontano dall’essere uno strumento di uso comune, ma è cosa ottima che sempre più aziende abbiano la possibilità di migliorare e sfruttare le ultime tecnologie.