rsz_chief-grunt-be810a55f2684c308de8f4ef3a23a50eAvete apprezzato la prima parte dei nostri riassunti accurati e soprattutto fedeli alla lore, realizzati grazie all’assistenza dei più grandi esperti di Halo della storia, il tutto per voi. Le nostre recensioni ignoranti sono a vostra disposizione per fare un po’ di mente locale in quest’universo intricato e ricco di informazioni!

Ma  allora non perdiamo tempo e gettiamoci di nuovo a capofitto in questa nuova puntata!

PROFETA DELLA VERITA’ Risultati immagini per prophet of truth

Praticamente la risposta della religione ad Hitler, questo San Shyuum pio, devoto, in carrozzina e assolutamente sano di mente ha comandato assieme ai suoi allegri compari i Covenant negli ultimi decenni. Questo cosa ci dice? Ebbene sì, i Profeti Gerarchi sono la Ka$tah. Essendo Verità un politico attaccato alla poltrona, nel momento in cui ha scoperto che tutta la loro ideologia era autentica quanto sono autentici i prodotti della Fony, ha deciso di comportarsi in maniera corretta e onesta: ha mentito a tutto il suo popolo, ha dichiarato una guerra santa con lo scopo di causare il più grande genocidio degli ultimi 150.000 anni, ha militarizzato la società e ha postato un tweet sul vento del cambiamento mentre nel frattempo faceva una diretta Facebook per iniziare la campagna elettorale.
Purtroppo Beppe Grillo ha cominciato a minare la sua credibilità mettendo in luce le sue cattive qualità e dicendo che rubbava. Ufficialmente è stato ucciso in combattimento dall’Arbiter, la versione che nessuno dice perchè i poteri forti lo vogliono nascondere è che è morto durante un festino di coca e superalcolici mentre decantava le sue doti da ballerino. Fate girare prima che censurino.

PROFETA DEL RIMORSO Risultati immagini per prophet of regret

L’amichetto sessuale del Profeta della Verità. Un giovinetto impulsivo, iracondo e alcolista che nel corso di una gita alcolica con i suoi migliori amici si è imbattuto per errore nella Terra. Estremamente imbarazzato per quanto successo, si è ritirato su Delta Halo dove ha organizzato un incontro erotico con il Profeta dell Verità per farsi perdonare. Tanto per ingannare il tempo nell’attesa, ha cominciato a ubriacarsi trasmettendo tutto in live Twitch nel tanto che cantava la versione Covenant de “Le osterie”. Master Chief lo ha seguito perchè nessuno può bere quanto lui e questo baldanzoso San Shyuum si stava avvicinando al suo record di shot di assenzio. Nessuno si ubriaca quanto Chief, nessuno.

PROFETA DELLA PIETA’ Risultati immagini per prophet of mercy

Compare, dice due robe della serie “Si stava meglio quando si stava peggio”, “Non ci sono più le mezze stagioni” e “Questi giovani avrebbero proprio bisogno di una dittatura” e muore. E niente, quel personaggio fa già ridere di suo, che devo aggiungere io?

NOBLE SIXRisultati immagini per noble six yolo

Quando Master Chief ha saputo che avrebbero pubblicato un Halo senza che lui fosse il protagonista non ha potuto accettarlo. E’ andato su Reach, teletrasportandosi indietro nel tempo fino al 2552, dopodichè è salito su un banshee e ha ferito lo spartan III Kat per far sì che il vero Six prendesse una bomba e la portasse su una nave Covenant. Il povero Six pensava di potersi salvare, il timer era impostato a 20 minuti, ma Master Chief con un bel virus ha mandato in corto tutto e l’ha fatto esplodere anzitempo.
Dopodichè ha preso possesso dell’armatura di riserva di Six, si è messo una mod per modificare la voce e non farsi riconoscere e ha fatto il figo su Reach per tutta la battaglia sul pianeta, riuscendo anche ad anticipare Felix Baumgartner di due anni nel salto dall’atmosfera. Sul finale fa finta di morire, in realtà quei Sangheili erano solo comparse messe lì dall’Arbiter che non voleva far arrabbiare Master Chief. Non sia mai che gli venga in testa di fare una gita su Sanghelios.

CARTERRisultati immagini per carter halo

Al povero Carter sin da piccolo nessuno ha mai dato retta. Non voleva la carne, gli facevano mangiare la carne. Voleva andare al mare, lo portavano in montagna. Trovava qualcuno mentre giocava a nascondino, gli rispondevano che era un idiota e che stavano giocando a mosca cieca. Insomma, un leader nato.
Non gli hanno dato retta nemmeno i suoi genitori, quando lui urlò di stare attenbti al treno che stava passando e i suoi genitori si buttarono apposta in mezzo ai binari per fargli vedere che non c’era nessun treno.
Rimasto orfano all’età di 5 anni, il piccolo Carter venne mandato all’orfanotrofio “L’Assolutamente Sicuro e per Nulla Sospetto Amichevole Orfanotrofio di Quartiere”. Lui voleva andare a morire in una palude, ma si sa, è un leader nato. Lì venne spedito direttamente per posta celere in un pacco 50*30 alla base ONI su Reach.
Lì il team Noble attendeva il primo membro e proprio comandante. All’inizio volevano solo farlo Capo camera, ma ad ogni rifiuto di Carter si ritrovava sempre più in alto nella catena di comando. Lo proposero come Comandante in Capo della Terra e di tutte le sue Colonie, forze militari comprese, ma poi si resero conto che un bimbo di 5 anni a capo dell’UNSC sarebbe costato troppo in termini di Lego e di gelati al cioccolato. Venne quindi nominato leader della squadre Noble. Immaginate la gioia di Carter…

EMILERisultati immagini per emile swag halo

Emile è sempre stato un ragazzo problematico. Non si è mai capito perchè, anche perchè ha sempre avuto la normalissima vita di un qualunque ragazzino a cui erano morti i genitori divorati da un moa con i baffi, a cui era stata diagnosticata una grave forma di diarrea cerebrale, con un occhio di vetro, un secondo pene attaccato al deltoide sinistro, e con almeno una quindicina di tic nervosi di  cui il meno imbarazzante era urlare in faccia all’interlocutore “ti scopo il pavimento” ogniqualvolta questi usasse una congiunzione. Da bambino si vestiva da scheletro a Carnevale, ad Halloween, ai compleanni, a Natale e in tutti i giorni che non sono quelli che ho detto. Quando qualcuno gli chiedeva se andasse tutto bene, lui rispondeva che non c’era nulla di male e poi tornava a depilarsi col kukri. Aveva un Ipod con una sola canzone. Non bisogna neanche chiederci perchè, questo ragazzino abbia passato qualche anno in terapia.
La geniale soluzione venne in mente al colonnello Ackerson quando  selezionò questo piccolo piscopat… ehm, dolce ragazzino per il programma spartan III. Effettivamente dopo essere stato chiuso in un’armatura da combattimento Emile è migliorato parecchio in fatto di stabilità mentale. Ha persino preso bene l’operazione che ha portato alla rimozione del suo pene di troppo. Quello inguinale, ovviamente.
La svolta nella sua vita venne dopo che aveva fatto una meravigliosa incisione sul pavimento di un teschio nel tanto che cercava di tollerare le chiacchiere di Jun. Quando tentò di alzarsi, svenne. Non capì mai perchè, saranno state le 37 ore di ciance ininterrotte di Jun, il crac che aveva assunto regolarmente a intervalli di due ore, la disidratazione o la mancanza di sonno, fatto sta che cadde di faccia e l’incisione passò direttamente sul suo elmo. Da quel giorno Emile è troppo impegnato a inseguire quel teschio che lo sbeffeggia per pensare ai suoi tic.

KATRisultati immagini per kat swag halo

Kat sin da piccola è sempre stata appassionata di automobili e di tutto ciò che riguarda la guida. Hotwheels, il telefilm di Supercar e Cobra 11, i videogiochi della serie Gran Turismo e Forza Motorsport, tutto ciò che aveva quattro ruote e un volante affascinava Kat al punto che doveva compulsivamente interagirvi. Questo ha causato alcuni inconvenienti, tipo quando ha tentato di aggredire l’autista di un autobus strozzandolo con i capelli della bambola di Raperonzolo per provare l’ebbrezza della guida. O quando si è intrufolata su di un’ambulanza che stava soccorrendo i feriti di un incidente e ha levato il freno a mano, causando così lo spostamento della stessa e il ferimento dei soccorritori.
Tuttavia la svolta giunse all’età di sei anni quando dopo numerosi tentativi riuscì a rubare le chiavi della macchina del padre, mettersi alla guida e compiendo l’accelerata fatale: la macchina scattò in avanti, sfondo la parete di casa, colpì una colonna portante che fece crollare il soffitto schiacciando entrambi i genitori sotto il tetto.
Messa quindi in orfanotrofio, venne arruolata nel programma spartan III in quanto una delle poche bambine ad avere già commesso degli omicidi. La passione per la guida effettivamente le è rimasta, ma adesso può metterla al servizio di qualcosa di utile. Tuttavia il comando non le ha mai dato il permesso di guidare uno scorpion. Chissà come mai…

JUN Risultati immagini per jun swag halo

Il giovane Jun ha sempre parlato troppo. Sempre. Per farlo stare zitto i genitori erano costretti a riempirgli il biberon di cloroformio, ma così facendo scoprirono che il figlio parlava persino nel sonno, imbavagliato e immerso sott’acqua. Pochi lo sanno, ma le corde vocali di Jun gli sono state asportate quando aveva circa 18 giorni. Un po’ presto? Verissimo, ma Jun già 15 secondi dopo essere venuto al mondo già parlava. Come molti sanno, su Reach la giornata dura 28 ore e Jun parlava per circa 26 ore consecutive. Dopo 6 anni di calvario, i genitori piuttosto che passare un altro giorno con lui decisero di suicidarsi. La polizia lo ritrovò tre giorni dopo, da solo in casa, che parlava con i genitori oramai cadavere che ancora si tappavano le orecchie. Fecero l’errore di chiedergli cos’era successo, e dopo circa 18 ore lo sbolognarono all’ONI per destinarlo ai test per le nuove tecniche di operazione per la rimozione delle fistole perianali. Tuttavia l’ONI decise di destinarlo a qualcosa di meglio, visto che il ragazzino dimostrava una grande costanza nello svolgere i suoi compiti. Tanto poi quando ha il casco addosso e il canale radio spento non lo sente nessuno e al massimo ammazza i Covenant a suon di parole.

JORGERisultati immagini per jorge halo

Poche cose sono certezze per tutta la vita e la gentilezza di Jorge è una di queste. E’ sempre stato un bonaccione, il classico gigante gentile. Quando è nato era alto 140 cm e pesava 55 kg. Inutile dire che la madre fece una brutta, bruttissima fine. Ad Jorge la madre mancò tanto per tutta la sua vita. Prima di conoscere la dottoressa Halsey, che da Jorge venne identificata come la mamma 2.0, aveva sviluppato un curioso disturbo mentale chiamato impulso extracosciente regressivo perimitocondriale di Heisenblandragnerdamist alla covata peridiacronica. Tradotto? Si metteva a covare qualunque cosa gli passasse sott’occhio per dargli il suo affetto e crearsi così un sostitutivo alla madre che non ha mai avuto. Covava di tutto: giocattoli, altri bambini, suo padre, bombole del gas, operai dell’acquedotto.
Il padre era un transessuale alcolista tossicodipendente cleptomane e affetto da AIDS che gli dedicava il suo tempo quando non era impegnato con una delle sue molteplici perversioni. Per circa 7 minuti e 38 secondi al giorno era un ottimo padre, tolte le siringhe usate dal pavimento e il puzzo da bevitore veneto che si trascinava dietro.
Tuttavia il povero Jorge si trovò solo all’età di 6 anni a causa della prematura morte del padre, morto per cause naturali. Nel senso che naturalmente se mischi alcool e droga muori.
L’ONI si prese cura di lui, e adesso Jorge può girare liberamente per la galassia distribuendo amore e amicizia con Miss FluffyBum, la sua torretta mitragliatrice spara coriandoli che fanno fuochi d’artificio se impattano contro qualcosa. Gliel’ha detto mamma Halsey che sono coriandoli, come potrebbe mentire?

AUNTIE DOT Risultati immagini per auntie dot halo

Avete presente le IA? Ecco, stupide o furbe che siano hanno tutte un’avatar. Perchè? Perchè rispecchia la loro personalità, il loro carattere, il loro modo di essere. Ecco, Auntie non si sa bene che cacchio sia. Non perchè il suo avatar sia indefinito, ma perchè non si capisce neanche se sia un’IA o semplicemente una nuova app di Microsoft per un suo assistente vocale. Nel corso di tutto Halo: Reach continua a ripetere banalità e cose ovvie dicendole come fossero grandi verità, e persino quando dimostra un minimo di personalità delude perchè si scopre dopo 5 minuti che è la Halsey a controllarla. Persino il suo avatar non dimostra alcun tipo di personalità, nonostante il fatto sia un simpaticissimo gioco di luci e sia anche piacevole da guardare. E se davvero voleste capire al meglio ciò che intendo, dovreste copincollare questo testo su un sintetizzatore vocale.

 

Ebbene, ecco il secondo episodio delle recensioni ignoranti! Quando ci sarà il terzo? Non lo sappiamo! Avrà una cadenza? Boh! Elvis è ancora vivo? Mah!
Ricordate, il 17K Group è qui per darvi certezze!