Lucasfilm ha annunciato a marzo che il produttore, attore e regista Jon Favreau (Iron Man, Il Libro della Giungla) ha firmato per essere produttore esecutivo e sceneggiatore di una serie TV ambientata nel mondo di Star Wars per la nuova piattaforma di streaming di Disney. Ora ha confermato che lo sviluppo è piuttosto lontano con metà delle sceneggiature della prima stagione già scritte, e ha detto a Nerdist che la serie avrà luogo sette anni dopo la Battaglia di Endor ne Il Ritorno dello Jedi. Favreau ha anche dichiarato che lo show includerà tutti i nuovi personaggi e utilizzerà la tecnologia CGI e motion capture all’avanguardia simile ai suoi film ne Il Libro della Giungla e Il Re Leone.

Ho già scritto metà della stagione per la nuova serie tv di Star Wars su cui sto lavorando“, ha confermato Favreau.

Questa notizia sicuramente entusiasmerà i fan, dato che il periodo tra l’episodio VI e l’episodio VII è un terreno fertile, con solo alcuni brevi flashback e retroscena su Il Risveglio della Forza e Gli Ultimi Jedi per spiegare ciò che è accaduto in quella parte della linea temporale tra la caduta dell’Impero e l’ascesa del Primo Ordine. La Lucasfilm ha anche recentemente annunciato una nuova serie animata che si svolge poco prima degli eventi di Star Wars: Il Risveglio della Forza intitolato Star Wars Resistance, che avrà un look ispirato agli anime e debutterà quest’ autunno.

Le collaborazioni della Disney con Favreau risalgono a un decennio, quando ha aiutato a lanciare il Marvel Cinematic Universe come regista di Iron Man e Iron Man 2 e come produttore esecutivo dei film di Iron Man e Avengers per Marvel Studios. Per la Disney, ha diretto e prodotto il grande successo Il Libro della Giungla, che ha vinto un Oscar per i suoi rivoluzionari effetti visivi. Attualmente è in produzione per l’attesissima rivisitazione di Disney de Il Re Leone, in uscita nel 2019.

La serie live-action senza titolo di Star Wars non ha ancora una data di uscita, ma la piattaforma di streaming della Disney verrà lanciata alla fine del 2019.

Che ne pensate? Fatecelo sapere con un commento!