Finalmente, dopo due anni, la famosa coppia di Baker Street 221B torna in azione nella Londra Vittoriana del 1895 con un episodio speciale di Sherlock che riprende le arie del romanzo di Sir Arthur Conan Doyle.

L’episodio, mandato in onda il primo gennaio dalla BBC, si apre con un velocissimo riassunto delle stagioni precedenti, a partire dal primo incontro tra Sherlock Holmes e il Dottor Watson e immediatamente ci catapulta nella realtà “alternativa” del 1895, riproponendoci una versione ottocentesca dell’introduzione della prima puntata della prima stagione, raccontata da un John Watson traumatizzato dai conflitti cui ha partecipato nella guerra afgana sotto la bandiera di Sua Maestà.

sherlock
Watson e Sherlock come pensati da Arthur Conan Doyle

Un parallelo che prosegue fino all’incontro con il buffo Stamford che, tra i convenevoli di rito, si fa carico di aiutare Watson per trovare quel famoso appartamento e il bizzarro uomo che potrà dividere con lui l’affitto: Sherlock Holmes, elementare.
Da qui inizia la loro avventura, come tutti sappiamo, e dopo un leggero salto temporale ci troviamo davanti una coppia di investigatori già affiatata e consolidata, una signora Hudson sempre preoccupata e ansiosa (citatela sempre, per carità!) e lo strano caso della Sposa Abominevole con lo sfondo tetro e fumoso di una Londra già avviata nell’epoca industriale.

Come già era stato annunciato la storia raccontata in questo episodio è una “storia di fantasmi”, in cui anche Sherlock si muove goffamente, non volendo assolutamente credere che ci sia qualcosa di sovrannaturale dietro alla serie di omicidi che nel tempo verranno perpetrati dallo spirito vendicativo di una Sposa suicida e profondamente delusa da un marito/padrone e che guarda caso difende le donne che si trovano nella sua stessa situazione (prima del trapasso ndr), eliminandone gli infedeli compagni.

sherlock

 

Senza dire altro sulla trama, sappiate solo che la vera sorpresa arriverà negli ultimi minuti.
Tutta la puntata non è altro che un geniale modo di introdurre la quarta stagione in cui vedremo Sherlock e Watson combattere nuovamente a colpi di neuroni contro il folle Moriarty, che torna dalla tomba per continuare a seminare terrore nell’Inghilterra moderna, come visto nell’ultimo episodio rilasciato prima di questo speciale!

Come fa una Sposa suicida, dopo aver messo in bocca una pistola ed aver premuto il grilletto, ad aggirarsi per Londra a caccia di uomini infedeli, marito in primis?
Come ha fatto Moriarty a sopravvivere dopo essersi sparato tra le tonsille?

Le domande che vi attanagliavano la mente dopo l’ultimo episodio della terza stagione troveranno alcune risposte in questo speciale, realizzato ad arte per richiamare le atmosfere scritte dal creatore del geniale consulente investigativo.

sherlock
La magnificenza di questi baffi è indescrivibile!

Benedict Cumberbatch e Martin Freeman calzano a pennello nel ruolo delle loro controparti ottocentesche, facendoci apprezzare ancora di più il lavoro svolto fin ora per realizzare la versione moderna di Sherlock.
Mark Gatiss, produttore della serie e volto di Mycroft Holmes, si fa parodia di se stesso nelle vesti dell’enorme e geniale fratello di Sherlock, che qui troviamo costantemente con la mascelle in movimento tra budini alle prugne, lavori di Intelligence e scommesse sulla sua vita, sempre comodamente seduto al Diogenes Club, come volle Arthur Conan Doyle.

Il tutto, come sempre, accompagnato tra humor inglese e gaffe che rendono ancor più piacevole la visione de “La Sposa Abominevole”.
Inoltre troviamo tanti piccoli riferimenti ed “easter egg” che sicuramente daranno soddisfazione ai fan più accaniti della serie, con evidenti richiami a situazioni e personaggi cui siamo affezionati! L’attenzione per la produzione al fanservice ripaga la lunga attesa!

Signore e signori Sherlock è tornato!