Fedeli lettori di Destiny Italia e del 17KGroup, come promesso, con questo articolo riparte la nostra rubrica dedicata alla lore di Destiny, o per meglio dire di Destiny 2.
Per inaugurare al meglio questo nuovo inizio, partiamo dall’interessante scena che compare dopo i titoli di coda di Destiny 2, fornendo un’analisi del finale.

N.B. Consigliamo la lettura dell’articolo solo a coloro che abbiano già completato la campagna!

QUALCOSA DI NOTO

Molti giocatori sono rimasti stupiti dalla comparsa delle famose navi spaziali di forma piramidale, altri invece -come il sottoscritto- hanno esclamato: “Oh mio Viaggiatore, finalmente!”.
Il concept artistico delle navi piramidali risale ai tempi di Destiny, compariva infatti durante la schermata di installazione del titolo insieme ad altre suggestive immagini. Inizialmente, si pensava che fossero navi dell’Alveare, in seguito però questa ipotesi fu smentita dato che gli astrosepolcri presentano una forma molto diversa.
Dunque, a chi appartengono queste enigmatiche navi? 
Le ipotesi sono state molteplici: alcuni hanno avanzato la teoria che siano una costruzione dei Vex, ovviamente non vere e proprie navi spaziali dato che i Vex non necessitano di mezzi di trasporto; altri ancora hanno suggerito che siano collegate con i Nove, questa ipotesi appare molto debole dato che i Nove risiedono nel nostro Sistema Solare e non fuori dalla Via Lattea.
L’opzione più plausibile, a mio modesto parere, è che queste navi/stazioni/mezzi siano la prima vera manifestazione concreta dell’Oscurità stessa.

FINALMENTE L’OSCURITA’?

Tutti noi appassionati di Destiny, sappiamo che l’Oscurità è il piatto grande e pericoloso nemico della Luce, una potente forza determinata a distruggere il Viaggiatore e i suoi protettori. Peccato che, almeno fino ad adesso, l’Oscurità non si sia mai manifestata in maniera palese.
Che la sequenza dopo i titoli di coda ci mostri, finalmente, un aspetto tangibile del grande nemico della Luce? A supportare questa ipotesi, arrivano due indizi importanti e di origine abbastanza diversa.
Come prima cosa, gli osservatori più attenti, avranno notato che nella sequenza onirica che appare dopo aver perso la Luce per mano di Ghaul, il nostro guardiano vede delle strane forme piramidali.
Tali forme compaiono anche nella scena cinematica di apertura di Destiny 2, quando lo Spettro racconta in breve la storia del Viaggiatore. Al pronunciare della parola “oscurità” appaiono delle ombre triangolari, insomma non sembra una mera coincidenza.
L’altra possibile prova, arriva da Luke Smith e da una sua dichiarazione. Il buon Luke ha detto che Destiny 2 si sarebbe concentrato sull’importanza della Luce e che, nel futuro della serie, si sarebbe saputo qualcosa di più concreto riguardo l’Oscurità. 
Bungie sa di non aver approfondito a sufficienza il ruolo e le caratteristiche dell’Oscurità, ragion per cui intende approfondire questo aspetto nei prossimi mesi/anni della saga.

IL VIAGGIATORE RISVEGLIATO

Oltre alla comparsa delle piramidi spaziali, la scena finale ci mostra il potere del Viaggiatore risvegliato. La grande macchina, come la chiamavano i Caduti, ha sprigionato un’onda di potere capace di attraversare senza problemi milioni di chilometri, viaggiando nello spazio profondo.
Certo, c’erano pochi dubbi riguardo le capacità del Viaggiatore, del resto è stato in grado di rendere immortali i guardiani e di plasmare interi mondi per renderli accoglienti e vivibili per l’uomo. In Destiny “1” però, eravamo abituati a vedere il Viaggiatore in uno stato di sospensione, quasi di ibernazione: un dio dormiente e statico.
Per colpa/merito di Ghaul, ora la grande macchina si è risvegliata dal suo sonno, attirando l’attenzione di qualcuno in agguato da chissà quanto tempo.
Cosa potrà donarci il Viaggiatore ora che si è destato dal suo lungo riposo? Non ci resta che attendere cosa ha in serbo Bungie a riguardo.

IL FUTURO DI DESTINY 2

Tutti gli appassionati di lore, non vedono l’ora di scoprire qualcosa in più riguardo le tematiche che abbiamo esposto in questo articolo, ma quando avremo qualche risposta?
Si sa che Destiny 2 avrà due dlc, uno a tema Osiride e uno incentrato su Rasputin, ma sicuramente verrà arricchito da ulteriori espansioni (del resto anche D2 durerà circa tre anni). Possiamo aspettarci una grande espansione in stile Re dei Corrotti con l’arrivo delle navi piramidali e annessa lotta contro l’Oscurità? Oppure tutto ciò verrà rimandato al terzo capitolo della saga? Io propendo più per la prima ipotesi.

Fateci sapere cosa pensate riguardo la sequenza finale di Destiny 2 e il futuro narrativo della saga!

 

  • Simone Martinoli

    Ho pensato esattamente all’oscurità, intesa come nemico primordiale della luce del viaggiatore. E sono rimasto affascinato da come anch’essi (i triangolini) si mostravano in stato di ibernazione. Per poi attivarsi alla captazione della luce.

    Si dice che un nemico ha seguito il viaggiatore, ponendo fine all’età dell’oro. Ma quindi perché non abbiamo visto prima queste “strutture”? Cioè, come mai si trovavano così lontane dal viaggiatore stesso?

    La luce è sicuramente bramata da altre creature come l’alveare, Cabal, Caduti, Vex..non necessariamente per il potere in sé.
    Ma questi triangoli hanno raggiunto il viaggiatore e poi si sono allontanati?!
    Credo più che non siano loro ad averlo raggiunto inizialmente, l’età dell’oro non è finita a causa nell’oscurità intesa come i ‘triangoli’ (che poi sono tridimensionali), però i nemici incontrati fin’ora sono definiti come oscurità..più come un contrapposto alla luce.
    Poiché mi immagino che il viaggiatore si sia “spento” per non farsi tracciare.

    La reazione di quelle astronavi è proprio “si è riattivato, l’abbiamo trovato”.
    Hype, curiosità, entusiasmo, chiamatelo come volete..voglio scoprire tutto!

  • Ivan Durso

    Nell’Eden su Io ci sono i simboli a forma di labirinto che ci sono anche in un concept dove nello sfondo appaiono forme simili a quelle delle piramidi. Le forme dei volti e alcuni segni del concept sono simili a quelli del peccato di Nezarec, Nezarec che ci viene proposto come divinità del peccato, della fine, del male e dalle maligne vie ignote.
    Le piramidi arriveranno ma non si sa quando. A mio avviso è più probabile che arrivino con l’espansione finale di d2 che chiuderà la serie. Metterli come nemici di d3 porterebbe a sminuirli in confronto ai cattivi che ci saranno dopo. E poi parliamoci chiaramente. Se l’oscurità è l’antiviaggiatore e il viaggiatore ha delle abilità divine come l’alterazione della realtà, materia, energia, vita e morte, un suo opposto dovrebbe quantomeno equipararlo. Non avrebbe senso inventarsi qualcosa dopo di loro, sarebbe una barzelletta. E comunque vi ricordo che in campo ci sono ancora Osiride, Calus quello vero, Savathun e Quria, e i Nove. Potrebbero esserci dei risvolti interessanti con i nuovi dlc. Il primo stregone che ci avverte sulla concretezza, Calus e i Nove potrebbero aiutarci dato che sono ad uno stato d’essere superiore e savathun che potrebbe aver mangiato altri vermi e contemplato a pieno il Profondo che ritengo una cosa simile all’albero degli ammoni che oryx sterminò. Spero di trovare risposte presto